Ultime Notizie
Home » COMUNI » Un’altra pietruzza nel muro (Platania). Il nostro “muro torto”… in una foto di Antonio Renda

Un’altra pietruzza nel muro (Platania). Il nostro “muro torto”… in una foto di Antonio Renda

Chi lo avrebbe mai detto che oltre al “Muro torto” di Roma, situato tra il Pincio e Villa Borghese, ci fosse anche quello di Platania? Lo scopriamo grazie all’immagine che ci ha inviato in quest’occasione il fotografo Antonio Renda.

Si tratta di un muro che ha la particolarità di accompagnare docilmente la curvatura di una strada preesistente, invece di violentarne il tragitto evidentemente naturale o talmente antico da essere percepito ormai come tale.

Un muro che si è adattato alle esigenze di un paese e non il contrario: tra il trasformare la realtà o l’adeguarsi ad essa, chi l’ha costruito ha saputo scegliere saggiamente quest’ultima ipotesi.

“Un’altra pietruzza nel muro” è il titolo che l’autore ha voluto dare alla sua foto, parafrasando i Pink Floyd che cantavano, sul finire degli anni settanta, “Another Brick In The Wall” (un altro mattone nel muro). Ma se il muro è di pietra, allora si tratta di un’altra pietra, o pietruzza che sia, che si aggiunge a tutte le altre.

L’invito dell’autore è comunque alla riflessione su come sia possibile intervenire sulla realtà, rispettandola profondamente.

<<  Una riflessione sul muro e sul “mastro” che, nonostante gli innumerevoli elementi di contorno, è riuscito a costruire un muro dritto ma curvo.  >>

Ma il muro, per sua natura, tenderebbe a dividere e i Pink Floyd, a quell’epoca, provavano ad affrontare il tema dell’isolamento dell’individuo in una società straniante, ricorrendo proprio alla metafora del muro, forse un po’ abusata, ma facendolo in una maniera mirabile e per nulla scontata.

Un tema che approfondirono ulteriormente nel film successivo (del 1982) “Pink Floyd The Wall” di Alan Parker, che rimane ancora oggi un capolavoro assoluto, per le musiche tratte dall’omonimo album, per la sua meravigliosa commistione tra immagini reali e cartoni animati e per la superba interpretazione di Bob Geldolf, fino a quel momento misconosciuto front-man della band inglese The Boomtown Rats.

Ma dopo poco, l’imprevedibilità della Storia fornì loro l’opportunità di utilizzare quella stessa metafora per celebrare, in un memorabile concerto, la caduta di un muro fin troppo reale, quello di Berlino, che aveva proditoriamente diviso fino ad allora l’est dall’ovest d’Europa e che si potrebbe definire come un muro costruito “a torto”.

Se ne deve dedurre che i muri possono essere eretti o distrutti nello spazio di un mattino, possono dividere ma anche paradossalmente unire: unificare, come avvenne in quella magica notte tra il 9 e il 10 novembre 1989.

Che i risultati non siano stati proprio quelli sperati, ma l’Europa incompleta e per nulla “unita” che abbiamo sotto gli occhi, possiamo dirlo solo ora, a distanza di qualche decennio. Però le speranze che in quel momento hanno pervaso il comune sentire dei cittadini europei valgono, in fondo, il prezzo del fallimento successivo, che lascia in ogni caso la speranza che si tratti solo di un fallimento temporaneo, che ci sia ancora spazio per rimediare agli innumerevoli errori che hanno cancellato un sogno o quanto meno lo hanno rinviato a data da destinarsi.

Raffaele Cardamone

In basso, La foto realizzata da Antonio Renda e, a seguire, la sua Biografia…

Il nostro muro torto - Platania

Foto di Antonio Renda (Fototeca della Calabria)

Biografia di Antonio Renda

Antonio Renda è un fotografo e un documentarista. E’ nato a Catanzaro nel 1964. Ha compiuto studi universitari di filosofia e antropologia. Professionista dal 1991. Specializzato in fotografia di architettura, arte e turismo. Il suo archivio conta oltre 100.000 immagini sulla Calabria.
Ha collaborato alla realizzazione di numerosi prodotti editoriali con le maggiori case editrici calabresi: Rubbettino, Abramo, Iiriti, e nazionali come Silvana Editoriale, Electa-Mondadori e ha pubblicato sulle riviste: Oasis, Bell’Italia, A tavola, Terre del vino, Qui Touring, Abitare, Informatore Agrario; ha inoltre curato la fotografia per le Riviste: Calabria Rurale, Calabria è, Catanzaro Arberia.

Collabora da molti anni con le maggiori istituzioni calabresi e con case editrici, e autori vari. Per l’Assessorato alla Cultura e al Turismo della Provincia di Catanzaro ha curato i cataloghi per le edizioni della mostra di arte contemporanea “Intersezioni” (ed. Electa) e per la mostre realizzate al Museo MARCA di Catanzaro fin dalla sua fondazione.

Ha inoltre realizzato le immagini per le due edizioni del catalogo del “Museo Storico Militare” di Catanzaro (ed. Rubbettino), i calendari e i cataloghi del “Parco della Biodiversità” di Catanzaro.
Per la mostra “Intersezioni” e il Museo MARCA ha realizzato inoltre i video sugli artisti e le relative mostre.

È responsabile della “Fototeca della Calabria”, associazione che si occupa della divulgazione della cultura e dell’immagine della Calabria, con una particolare attenzione agli scrittori ed artisti calabresi.
Ha inoltre realizzato, negli ultimi anni, numerosi cortometraggi su vari aspetti della cultura calabrese: il mediometraggio “Nella terra di Melusina”, ispirato ad un racconto di Corrado Alvaro, e i cortometraggi “I carbonai di Serra San Bruno”, “Bovari”, “L’ultimo Mugnaio”, “I Palmenti Di Ferruzzano”.

Un’opera fondamentale della sua produzione è il volume fotografico: “Differenze di Vedute – Il paesaggio nella provincia di Catanzaro” (ed. Rubbettino).

Ha da poco ultimato un nuovo libro fotografico: “Madonna di Porto. Le icone votive lungo i percorsi verso il Santuario”, attualmente in fase di pubblicazione.

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando in prevalenza nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato, per Radio Soveria Uno, programmi musicali di nicchia (“Radio on” e “Rock in motion”) e trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni in ambito formativo delle tecnologie informatiche, audiovisive e multimediali, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (Ente di formazione professionale delle ACLI). Ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa, prima per motivi di studio e poi di lavoro. La sua attività lavorativa si svolge nei settori della formazione professionale e della comunicazione (editoria, multimedialità e internet). È tra i fondatori e redattori della testata on-line ilReventino.it. Collabora con Gazzetta del Sud e l’editore Rubbettino. Alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing ilmiolibro.it. Ha curato l'editing o collaborato ai testi di volumi pubblicati da Calabria Letteraria Editrice e Cineteca della Calabria. È autore dei testi del libro "Calabria. Un racconto a colori tra bellezza e identità" edito da Touring Club Italiano nel 2020.

Verifica altro

Rinvenuta bomba inglese da mortaio da 3 pollici della seconda guerra mondiale a Maida

Ritrovata casualmente una bomba inesplosa risalente alla seconda guerra mondiale a Maida, in provincia di ...

Lascia un commento