Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » “Terra di nessuno”, l’ultimo lavoro teatrale dell’IC Rodari, approda finalmente a Soveria Mannelli

“Terra di nessuno”, l’ultimo lavoro teatrale dell’IC Rodari, approda finalmente a Soveria Mannelli

La “Terra di nessuno”, nel corso della Grande Guerra, era lo spazio fisico che separava le trincee presidiate dai soldati di due opposte fazioni e nel quale, durante uno dei tanti assalti alla baionetta, era facilissimo trovare la morte.

Ora è anche lo spettacolo teatrale preparato quest’anno, com’è ormai gradita tradizione, dagli alunni dell’IC Rodari di Soveria Mannelli e Carlopoli, e che sarà di scena il prossimo mercoledì 6 giugno, alle ore 21:00, presso l’Arena di San Tommaso a Soveria Mannelli.

Si tratta di una rappresentazione che racconta appunto alcuni episodi legati alla Prima guerra mondiale, in occasione del centesimo anniversario dalla sua conclusione, ma anche ispirati a due personaggi locali che in quella guerra si sono ritrovati loro malgrado a combattere: Pietro e Totò, originari rispettivamente di Soveria Mannelli e Carlopoli e appartenenti alla celebre Brigata Catanzaro.

Il testo del lavoro teatrale è stato come sempre realizzato dal professor Corrado Plastino, che ne ha anche curato la regia, assieme a Pasqualina Arcuri, Cinzia Fiorenza, Giusi Marasco, Emilia Molinaro e Gabriella Sirianni.

L’opera ha tra l’altro avuto l’importante riconoscimento come progetto rientrante nel “Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della prima Guerra mondiale”, da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale.

Finalmente, dopo la tradizionale partecipazione al Festival Teatro-Scuola di Altomonte, i ragazzi si esibiranno a casa propria, a favore degli spettatori di questo territorio, che – ne siamo più che sicuri – non esiteranno a gremire tutti i posti disponibili dell’Arena di San Tommaso, luogo peraltro particolarmente adatto, seppure solo d’estate, a ospitare spettacoli e manifestazioni culturali.  

di Raffaele Cardamone

Print Friendly, PDF & Email

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Vacantiandu 2018: Pierluigi Virelli e gli antichi suoni calabresi a Motta Santa Lucia

A Motta Santa Lucia il concerto di Pierluigi Virelli con gli antichi suoni calabresi. Prosegue ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *