Ultime Notizie
Home » COMUNI » Taverna, un borgo in cui l’arte e la storia si respirano nell’aria

Taverna, un borgo in cui l’arte e la storia si respirano nell’aria

Per chi ritiene che il turismo culturale possa essere un’opportunità di crescita personale, una visita al Museo civico di Taverna può rivelarsi un’esperienza entusiasmante. E questo grazie alla bellezza degli ambienti (ci si ritrova pur sempre in un antico monastero di epoca medievale), alla ricchezza e all’unicità delle opere esposte – e non mi riferisco solo a quelle del grandissimo Mattia Preti, il cavaliere calabrese che qui ebbe i natali –, e alla bravura del “cicerone” di turno, nel nostro caso Giovanni Duro, della cooperativa sociale Artè, che con estrema passione e competenza svolge il proprio ruolo accompagnando il visitatore e rendendolo edotto su ogni minimo particolare presente all’interno del Museo, che sempre diventa significativo nel suo sapiente racconto.

La sorpresa è che tutto il borgo, che non a caso è “bandiera arancione” del Touring Club Italiano, grazie alle “Vie della poesia” e al M.a.c.a.t. (Museo d’arte contemporanea all’aperto) è di fatto uno spazio espositivo visitabile sempre e comunque. Ma è all’interno del Museo civico vero e proprio che ci attende un appassionante percorso attraverso l’arte e la storia, dalla galleria d’arte contemporanea posta all’ingresso fino a inoltrarsi negli ambienti del monastero in cui sono esposte le opere più antiche, tra le quali alcuni capolavori di Mattia Preti che lasciano letteralmente senza fiato quando si ha la fortuna di sostare al loro cospetto.

L’allestimento, creato dal direttore Giuseppe Valentino, è di alto livello e mostra, ad esempio, un interessantissimo accostamento tra un’opera di Mattia Preti agli esordi e un’altra riferibile alla maturità dell’artista. Del resto, fin dalla biglietteria, che funge anche da bookstore (per inciso il costo d’ingresso è modesto), si ha un impatto visivo decisamente sorprendente perché la stessa è ospitata dall’antica farmacia del monastero, con le decorazioni originali perfettamente conservate.

Nella chiesa monumentale di San Domenico, che è parte integrante del monastero e del Museo, si rimane letteralmente estasiati dalle decorazioni, dagli affreschi, dal mobilio in gran parte d’epoca, come il coro nell’abside e gli scranni dei monaci nella saletta attigua con i posti riservati al priore e ai suoi più stretti collaboratori. E la cosa straordinaria è che la chiesa è un luogo vivo dove si celebra ancora messa, compatibilmente con le turnazioni dell’unico prete nelle ben otto chiese di Taverna, così come il bellissimo chiostro che diventa teatro di frequenti manifestazioni culturali.

Ma tutta Piazza del Popolo, la piazza antistante il Museo, è un luogo gradevolissimo in cui si respira aria di cultura e si è accolti, com’è ovvio, dalla statua bronzea di Matti Preti realizzata negli anni cinquanta dal noto scultore calabrese Michele Guerrisi.

Insomma, Taverna e il suo patrimonio di inestimabile valore, fatto di opere d’arte e di storia millenaria, è un posto che può essere visitato non solo in occasione delle mostre estemporanee che pure vi si tengono di frequente, come l’attuale “Figli del Minotauro” sulla transumanza (tra l’altro appena inserita dall’Unesco nel patrimonio immateriale dell’umanità), ma tutti i giorni della settimana e proprio a partire dal suo preziosissimo Museo.

di Raffaele Cardamone

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando in prevalenza nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato, per Radio Soveria Uno, programmi musicali di nicchia (“Radio on” e “Rock in motion”) e trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni in ambito formativo delle tecnologie informatiche, audiovisive e multimediali, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (Ente di formazione professionale delle ACLI). Ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa, prima per motivi di studio e poi di lavoro. La sua attività lavorativa si svolge nei settori della formazione professionale e della comunicazione (editoria, multimedialità e internet). È tra i fondatori e redattori della testata on-line ilReventino.it. Collabora con Gazzetta del Sud e l’editore Rubbettino. Alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing ilmiolibro.it. Ha curato l'editing o collaborato ai testi di volumi pubblicati da Calabria Letteraria Editrice e Cineteca della Calabria. È autore dei testi del libro "Calabria. Un racconto a colori tra bellezza e identità" edito da Touring Club Italiano nel 2020.

Verifica altro

Rinvenuta bomba inglese da mortaio da 3 pollici della seconda guerra mondiale a Maida

Ritrovata casualmente una bomba inesplosa risalente alla seconda guerra mondiale a Maida, in provincia di ...

Lascia un commento