giovedì , 20 Febbraio 2020
Ultime Notizie
Home » COMUNI » “Strada che non c’è” sopralluogo viceministro Cancellieri ai cantieri e incontro a Serrastretta

“Strada che non c’è” sopralluogo viceministro Cancellieri ai cantieri e incontro a Serrastretta

Serrastretta – Il viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Giancarlo Cancelleri ritorna in Calabria, nella giornata del 10 febbraio 2020, per un sopralluogo della strada del “Medio Savuto” attraversando i luoghi del percorso.

E’ previsto l’arrivo nel primo pomeriggio a Marcellinara per poi proseguire fino a Soveria Mannelli, con una visita ai cantieri dove sono in corso i lavori di completamento del tronco stradale del tratto di 3 km compreso tra il bivio Coraci (Cosenza) – con l’opera di costruzione dello svincolo di innesto con la superstrada SS 616 che scende da Colosimi fino ad Altilia-Grimaldi – che poi arriva al tratto già aperto al traffico all’altezza dello svincolo Soveria Mannelli Nord (Catanzaro).

Seguirà  presso Palazzo Pingitore nel comune di Serrastretta un tavolo tecnico con la presenza del presidente Sergio Abramo della Provincia di Catanzaro, i sindaci del territorio e i componenti del Comitato “La strada che non c’è”, gruppo sorto a San Pietro Apostolo e che da oltre 8 anni segue le vicissitudini dell’opera. La riunione, come programmato, servirà per fare il punto della situazione e delineare insieme ad ANAS la progettazione dei lavori.

La famosa incompiuta detta “strada che non c’è”,  ma anche denominata del Medio Savuto, dovrebbe in pratica collegare in maniera più veloce Catanzaro-Cosenza attraversando l’entroterra delle due province e servendo un territorio di circa venti comuni. L’opera di primaria importanza si manifesta necessaria, per un territorio bellissimo situato al centro della Calabria che aspetta questa infrastruttura da più di trenta anni e che anche a causa della carenza di strade si sta spopolando.

di: Santino Pascuzzi

Santino Pascuzzi
Santino Pascuzzi, nasce a Cosenza, ed è residente a Soveria Mannelli. Diplomato al Liceo Scientifico “Luigi Costanzo” di Decollatura, consegue nell’anno accademico 1993/94 la laurea in Scienze Economiche e Sociali, indirizzo Organizzazione Aziendale ed Amministrazione Pubblica, presso l’Università degli Studi della Calabria. Corrispondente del quotidiano Gazzetta del Sud, dal 1995, iscritto all’albo dei Giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Formativa l’esperienza radiofonica, come conduttore e programmatore del palinsesto, svolta con l’emittente Radio Soveria Uno, partecipando anche al progetto di utilità collettiva art. 23, avente per oggetto la diffusione di informazioni sull’attività dell’ente locale, attraverso la redazione delle edizioni dei notiziari radiofonici, svolto per il periodo tra gli anni 1988/1989. Ha partecipato come collaboratore ai lavori di ricerca “Istituzioni locali e Istituzioni centrali dall’Unità alla Regionalizzazione” finanziata dal C.N.R. presso il Dipartimento Organizzazione Aziendale e Amministrazione Pubblica - Università della Calabria - per il periodo 1992/1994. Ha svolto incarichi come docente nei corsi di specializzazione dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Soveria Mannelli per le materie di Marketing ed Economia Aziendale. Svolgendo, nel contempo, attività di comunicazione istituzionale ed organizzazione di eventi e convegni, ha curato la pubblicazione di articoli per riviste e periodici regionali: Calabria - mensile del Consiglio Regionale della Calabria; reportage - periodico del lametino; Internet Extra - periodico specializzato e strumento per la diffusione della cultura di Internet; Obiettivo Calabria – rivista del Sistema Camerale Calabrese; Mediaterraneo e Dintorni – pubblicazione edita dall’aeroporto di Lamezia Terme. E’ fondatore, insieme a Raffaele Cardamone e Salvatore La Rocca, occupandosi della redazione, del sito www.ilReventino.it

Verifica altro

Belcastro, soppressa la Guardia Medica monta la protesta: ipotesi un medico ogni 5 mila abitanti

Dall’elenco delle guardie mediche della provincia di Catanzaro sparirà presto, molto presto anche quella di ...

Lascia un commento