Ultime Notizie
Home » FATTI » Stanziati 8,5 milioni di euro per riaprire la ferrovia Cosenza-Catanzaro

Stanziati 8,5 milioni di euro per riaprire la ferrovia Cosenza-Catanzaro

Sui binari dell’intera linea ferroviaria Cosenza-Catanzaro ritorneranno a transitare i treni. Con compiacimento diamo la notizia, così come la si apprende da una nota diffusa dalla Regione Calabria, che annuncia che sono stati stanziati 8,5 milioni di euro per riaprire al transito l’intero storico percorso che unisce le città di Cosenza e Catanzaro collegando la serie di paesi delle due province attraversati dalla tratta ferrata.

Saranno riattivati nuovamente le corse sul tratto intermedio della ferrovia, ex Calabro-Lucane, Cosenza-Catanzaro, attualmente interrotto compreso tra i Comuni di Rogliano-Marzi e quello della stazione capo-tronco di Soveria Mannelli.

Come viene precisato nella nota, sono stati firmati due contratti per avviare i lavori di mitigazione idrogeologica. Soddisfatto il Commissario Straordinario delegato per la mitigazione del rischio idrogeologico in Calabria, Mario Oliverio.

La definizione degli atti documentali stabilisce la possibilità di effettuare interventi per complessivi 8,5 milioni di euro, riguardanti i lavori di mitigazione del rischio idrogeologico necessari alla riapertura dell’intera linea ferroviaria Cosenza-Catanzaro.

Tali opere, di fondamentale importanza, sono state finanziate con le economie ottenute nell’attuazione dell’Accordo di Programma 2010, oramai in via di chiusura, e sanciti nel I° Atto Integrativo all’accordo firmato nel dicembre 2017. Le attività sono state avviate dopo la firma della convenzione di avvalimento tra il Commissario Straordinario, Mario Oliverio, e l’amministratore pro-tempore delle Ferrovie della Calabria stipulata nel maggio 2018 e questa sinergia ha permesso, in breve tempo, di giungere alla definizione di tutti gli aspetti progettuali e alla firma del contratto dei lavori.

“Sulle politiche di mitigazione del rischio idrogeologico – ha commentato con soddisfazione il Commissario straordinario, Mario Oliverio – non solo abbiamo recuperato oltre cinque anni di ritardo, ma abbiamo impresso una svolta tecnico-amministrativa, che riteniamo irreversibile, per attuare in maniera veloce tutte le iniziative che abbiamo in cantiere. Abbiamo scelto di investire in sicurezza del territorio in maniera evidente ed oggi abbiamo programmi avviati per quasi 450 milioni di euro. Il nostro ufficio – ha concluso Oliverio – è diventato un esempio di efficienza attuativa e questo ci è stato riconosciuto anche di recente, nel corso dell’ultimo incontro del 3 luglio 2019, tenutosi a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, laddove è stato evidenziato, alla presenza di tutte le strutture nazionali che coordinano i procedimenti, che il Commissario per la mitigazione del rischio idrogeologico della Calabria ha seguito una procedura più spedita rispetto ad altre Regioni. Un fatto che ci gratifica e ci spinge a proseguire sulla strada imboccata“.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Con l’Università IUAV di Venezia nasce il circuito di fruizione turistica integrata Reventino-Savuto

E’ in corso l’iniziativa di ricerca e progettazione dell’Università IUAV di Venezia riguardante l’area del ...

Lascia un commento