venerdì , 20 Settembre 2019
Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Soveria M. festeggia il 210° Compleanno con un programma che ne ripercorre la storia e celebra il presente

Soveria M. festeggia il 210° Compleanno con un programma che ne ripercorre la storia e celebra il presente

210 anni di storia non sono poi tanti per una città – in Italia ne abbiamo molte ultramillenarie a cominciare dalla capitale – ma tutto è relativo e dipende, come in un bel film a lieto fine, dal modo in cui si dipana la trama e dalla credibilità degli interpreti: da quelli che ricoprono i ruoli principali fino a ogni singola comparsa.

Soveria Mannelli, il prossimo 19 gennaio, si appresta dunque a festeggiare il suo 210° Compleanno con un programma, preparato dall’Amministrazione comunale, scandito durante tutto l’arco dell’intera giornata, da mattina a sera, che intende rimarcare i passaggi più significativi del suo passato così come i momenti più identitari del suo presente.

Durante la mattinata, alle ore 10:00, presso le Scuole superiori di Soveria e Decollatura, si celebrerà la “Città dei talenti”, attraverso l’esempio e la presenza di Ralph Chiodo, da emigrato a importante imprenditore canadese, con il sindaco Leonardo Sirianni che saluterà gli studenti e presenterà l’ospite.

Sempre alle ore 10:00, in contemporanea, presso Piazza Bonini (Officina delle Idee), sarà protagonista la “Città dell’Innovazione”, attraverso un incontro operativo che servirà a formulare ipotesi di gestione dell’Officina delle Idee, con protagonisti dell’innovazione provenienti da tutta la regione e con l’introduzione del vice sindaco Mario Caligiuri e il coordinamento dell’editore e consigliere comunale Florindo Rubbettino.

Alle ore 10:30, presso il Palazzo Comunale Cimino, ci sarà spazio per la “Città educativa”, con il dirigente scolastico regionale Diego Bouché, l’introduzione del sindaco Leonardo Sirianni, la relazione del vice sindaco Mario Caligiuri e gli interventi di Giuseppe Spadafora (professore dell’Università della Calabria), Antonio Caligiuri (dirigente dell’IS Costanzo) e Margherita Primavera (dirigente dell’IC Rodari).

Alle ore 12:30, presso la Creative Call, in Via Campi di Lino, si darà risalto alla “Città dell’innovazione”, con la presentazione dell’ampliamento delle attività dell’azienda, che offre i suoi servizi alle più importanti compagnie telefoniche italiane.

Nel pomeriggio, alle ore 15:30, presso il Palazzo Comunale Cimino, sarà la volta della “Città dell’informazione”, con la firma del protocollo d’intesa con Liberi.TV, proposto dall’Associazione Fiore di Lino, alla presenza del sindaco Leonardo Sirianni, di Antonio Abbruzzese (Fiore di Lino) e di Riccardo Cristiano (Liberi.TV).

Alle ore 16.00, sempre presso il Palazzo Comunale Cimino (Sala della Libertà), andrà in scena la “Città dell’identità”, con il conferimento del Premio Manno d’Oro al giovane musicista Stefano Maiuolo, e con i riconoscimenti civici a Giacomo Mancini (alla memoria) e Vincenzo D’Agostino, amministratore delegato di Omnia Energia.

Infine, alle ore 18.00, presso la Biblioteca Michele Caligiuri, si metterà in evidenza la “Città della sicurezza”, con l’inaugurazione della sezione dedicata a Nicola Gratteri, che presenterà il suo ultimo libro “Padrini e padroni. Come la ‘Ndrangheta è rimasta classe dirigente”, e con gli interventi del sindaco Leonardo Sirianni, dell’editore e consigliere comunale Florindo Rubbettino e del vice sindaco Mario Caligiuri.

Soveria Mannelli sarà quindi presentata nelle sue più diverse sfaccettature, ripercorrendone gli oltre due secoli di storia fino a un presente che non vuole arrendersi alle problematiche che attanagliano tutte le aree interne d’Italia, e in particolare del Sud.

Ma soprattutto si proverà a ridare slancio a una voglia mai sopita di proseguire in un cammino fatto di progresso e di una particolare capacità di reazione nei confronti delle difficoltà, con intuizioni – quasi sempre in anticipo sui tempi – e realizzazioni concrete che hanno finora consolidato la stabilità e la stessa esistenza della città.

di Raffaele Cardamone

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Se l’alunna non può andare a scuola, la classe va a casa dell’alunna

di Enzo Bubbo – Si apre l’anno scolastico e se l’alunna non può andare a ...

Lascia un commento