Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » “Sorella acqua” del fiume Amato, ripulita dai ragazzi dell’IC Rodari di Soveria Mannelli

“Sorella acqua” del fiume Amato, ripulita dai ragazzi dell’IC Rodari di Soveria Mannelli

A - foto di gruppoPer dimostrare il giusto rispetto nei confronti dell’Amato, un fiume che è parte integrante dell’orografia e della storia del nostro territorio, i ragazzi della II A (scuola secondaria di primo grado) dell’IC Rodari di Soveria Mannelli hanno pensato bene di ripulirne un tratto dai rifiuti che molti “cittadini”, evidentemente privi di senso civico e di cultura ecologica, vi hanno impunemente gettato.

A rendere possibile questo piccolo miracolo è stata sufficiente l’adesione al progetto “Sorella acqua”, dai versi profetici di San Francesco d’Assisi, promosso a livello A - Antonio Mancusonazionale dal Corpo Forestale dello Stato e realizzato, in questo come in molteplici altri casi (con ben 76 iniziative in 57 scuole della provincia), dall’Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Catanzaro.

Ad accompagnare i ragazzi in questa avventura speciale e altamente significativa, l’Educatore Ambientale del Corpo Forestale dello Stato Antonio Mancuso e i docenti della classe: Maria Morrone, Gabriella Siriani, Tommasina Baratta e Corrado Plastino.

A - bambini primaria 01A fare da corollario, i bambini della classe II della scuola primaria di Soveria Mannelli, accompagnati dalla maestra Anna Volpe, che hanno avuto modo di partecipare, seppure solo da osservatori, alle operazioni di pulizia, traendone di certo un importante insegnamento, quanto meno per essere loro stessi d’ora in poi protagonisti di una condotta di vita all’insegna del rispetto della natura.

A - pulizia amato 01Gli educatori presenti hanno dato il buon esempio cominciando per primi a ripulire l’ambiente circostante, subito seguiti dai loro allievi, che si sono impegnati a recuperare dal letto del fiume una grande quantità di rifiuti d’ogni genere, avendo poi cura anche di differenziarli correttamente.

A- pulizia amato 03Il luogo prescelto, in località Calvario, tra l’imbocco della “via dei Borboni” e la fontanella, che funge anche da area picnic, si è presentato subito come una vera e propria discarica a cielo aperto e questo è stato il dato più sconfortante della giornata. In positivo, invece, c’è da registrare l’entusiasmo con cui i giovani studenti e i loro accompagnatori hanno ripulito un piccolo tratto del fiume, riportandolo alle sue condizioni naturali. Ciò ha permesso di aumentare nel gruppo-classe la sensibilità nei confronti delle tematiche ambientali, necessaria a favorire il rispetto della natura e dell’acqua in particolare: il cosiddetto “oro blu” del terzo millennio.

A - rifiuti 02A tale proposito, l’insegnante di scienze Morrone ha anche provveduto a prelevare un campione dell’acqua del fiume che analizzerà a scuola assieme ai suoi studenti, per verificarne la qualità e gli eventuali fattori inquinanti. I ragazzi saranno inoltre, una volta tornati a scuola, stimolati a proporre una denominazione per la fontanella e a realizzare un cartellone che induca gli utilizzatori e i visitatori del luogo a rispettare le semplici regole della convivenza civile e a sviluppare, anche loro, un sano spirito ecologico.

Un altro importante obiettivo di questa esperienza è stato quello di trasformarsi per qualche ora in osservatori speciali al servizio della Pubblica Amministrazione. A - totalone 02Infatti, i ragazzi hanno potuto declinare una serie di suggerimenti da far pervenire al Comune per mezzo di una lettera ufficiale, con la finalità di rendere questo luogo più pulito, in modo permanente, e dunque più vivibile.

A - pulizia amato 02L’esperienza ha avuto un tale successo da convincere i promotori a ripeterla nell’immediato futuro, anche perché i ragazzi, assieme alle loro guide, a differenza di molte istituzioni pubbliche, non amano lasciare le cose a metà.

Print Friendly, PDF & Email

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro.
Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale.
Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro.
Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI).
Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet).
Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing “ilmiolibro.it”.

Verifica altro

Striscia la Notizia, si rioccupa degli alloggi popolari di Decollatura e Lamezia Terme

Decollatura – Striscia la Notizia ritorna ad occuparsi degli alloggi popolari dell’Aterp di Decollatura e ...

2 Commenti

  1. villella bruno

    È stata una iniziativa importante ed educativa . I ragazzi si sono divertiti e rimasti soddisfatti per il lavoro fatto . Spero si continui su questa strada .

  2. Prima di tutto ringraziamo il lettore (che è anche un genitore) per aver commentato l’articolo. E’ importante rilanciare il suo invito a proseguire su questa strada, cosa che peraltro è stata già in parte programmata dagli insegnanti. Ma è anche particolarmente utile che gli organizzatori (educatore ambientale del CFS e insegnanti) siano resi consapevoli dell’entusiasmo con cui ragazzi e genitori hanno accolto l’iniziativa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *