martedì , 10 Dicembre 2019
Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Sì, il “presepe vivente” ci è piaciuto: a Soveria Mannelli come in Casa Cupiello

Sì, il “presepe vivente” ci è piaciuto: a Soveria Mannelli come in Casa Cupiello

“Ti piace il presepe?” Chiedeva Luca Cupiello (Eduardo De Filippo), nella commedia “Natale in Casa Cupiello”, al figlio Nennillo. “No, non mi piace!” Rispondeva testardo quest’ultimo.

A noi, invece, è piaciuto questo primo esperimento di “presepe vivente” a Soveria Mannelli, sulla scorta delle numerose e riuscite esperienze che hanno luogo – ogni anno – in tanti paesi del Reventino-Savuto.

Nei rioni storici di Portapiana, Maraschi e Ioschi, in vicoli che di per sé hanno un fascino del tutto particolare, a cura dell’Associazione “Le Furracchiole”, e con il patrocinio di Confcommercio, del Comune di Soveria Mannelli e della Parrocchia San Giovanni Battista, si è voluto promuovere un vero e proprio concorso, al termine del quale saranno premiate le più belle scene capaci di illustrare momenti di vita quotidiana dell’800.

Il “presepe vivente” ha così avuto il suo battesimo del fuoco, con una caratterizzazione dei personaggio e degli ambienti semplice ma estremamente curata. Una cura che ha evidentemente richiesto una seria ricerca storica sulle abitudini, i mestieri e i modi di vivere appartenenti a un’epoca ormai remota.

Dalle ricamatrici alla lavandaia, dalla cantina alla scuola, dagli artigiani alla “maga”, disposta a togliere il malocchio, a “calmare l’affascino” come si diceva da queste parti, fino alla grotta della natività che sembra un quadro d’autore, con il giusto contrasto di luce e di colore tra i personaggi e l’ambiente circostante, particolarmente verosimile.

Insomma, si è trattato di un’esperienza visiva davvero interessante, arricchita dall’assaggio delle tipiche “grispelle”, che ha tra l’altro provato a valorizzare un pezzetto di quei paesaggi urbani leggermente fuori mano, che normalmente non sono frequentati se non da chi ci abita.

Buone notizie per chi avesse perso quest’occasione: si replica nei giorni del 28 e 30 dicembre, e il 5 gennaio, sempre dalle ore 17.00 alle 21.00. Giusto per fare in modo che proprio tutti possano dire: “Sì, il presepe ci è piaciuto!

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Sersale, incontro con vescovo Vincenzo Bertolone ricordando padre Pino Puglisi

E’ programmato a Sersale un incontro con il vescovo Vincenzo Bertolone per ricordare la figura ...

Lascia un commento