mercoledì , 22 Gennaio 2020
Ultime Notizie
Home » COMUNI » Bianchi » “Sei di tendenza o di pendenza”. Incontro a Bianchi nella Settimana dell’Educazione

“Sei di tendenza o di pendenza”. Incontro a Bianchi nella Settimana dell’Educazione

Bianchi – “Se io non conosco, se a me non interessa, non posso denunciare, aiutare. Invece è compito di ognuno di noi denunciare quello che non va in qualsiasi ambito. Siamo soliti dire che questo o quello non va nella nostra società.  Ma la società chi è? Siamo noi. E se queste cose non vanno io cosa faccio per farle andare?” E’ quanto affermato da don Giuseppe Trotta, parroco di Bianchi, nel portare i saluti all’incontro “Sei di tendenza o di pendenza”.

La frase campeggia sulla locandina in occasione della Settimana dell’Educazione, giunta alla II° edizione e promossa dall’Unità Pastorale Bianchi-Colosimi.

All’incontro, presenti giovani e genitori, coordinato da Giuliana Pugliano, docente, sono intervenuti Maria Antonietta Sacco vicepresidente nazionale e coordinatore regionale di Avviso Pubblico e Paolo Mancuso, commercialista, presidente della fondazione antiusura “Don Carlo De Cardona”.

La Sacco, ha raccontato sulla spinta dalle sue convinzioni di onestà e legalità come “l’incontro con monsignor Bregantini a Locri, è stato determinante per entrare nell’associazione e impegnarsi in politica”. Ha spiegato che Avviso Pubblico è “un’associazione di Comuni che promuove e forma cittadini seri, trasparenti ed onesti contro le mafie”. Aggiunge che “legalità e dipendenza non possono andare a braccetto, perché legalità è rispetto dell’altro, è corresponsabilità”. Drammatica la situazione della ‘ludopatia’ (dipendenza del gioco) nella nostra Regione, secondo Sacco, che sottolinea “nella società prevale la voglia dell’apparire e i social lo dimostrano ampliamente. E infine molto preoccupata evidenzia “è venuto meno il rapporto umano, l’accoglienza”.

Mancuso spiega che la fondazione “Don Carlo De Cardone” fonda la sua missione e “parte dal cuore della diocesi e riflette l’amore misericordioso di Dio. Opera per combattere e scoraggiare il ricorso all’’usura – spiega Mancuso – dovuta soprattutto al gioco d’azzardo ma dietro al fenomeno ci possono essere anche altri motivi. Fornisce alle persone ed alle famiglie ascolto e consulenza, e attraverso legge n. 108/96 il fondo di prevenzione usura, un aiuto alle famiglie e assicura garanzie alla concessione di un prestito. Undici milioni di euro – conclude Mancuso – sono stati garantiti dalla fondazione ed ascoltato oltre duemila e cinquecento persone in situazioni drammatiche”.

Nel dibattito sono stati diversi gli interventi, presenti anche le suore Adoratrici che operano nella comunità di Bianchi, e il sindaco del Comune di Bianchi, Tommaso Paola, che ha evidenziato come il problema esiste ma che poco se ne parla.

di: Pasquale Taverna

Pasquale Taverna
Giornalista pubblicista, vive a Bianchi (CS), ha lavorato come docente nelle scuole superiori, con passione si occupa e promuove la cultura locale e con sensibilità segue i temi ambientali del territorio.

Verifica altro

Sersale, spaventoso incidente sulla strada provinciale

Impressionante. Non c’è altro aggettivo per definire lo spaventoso incidente verificatosi, nel primo pomeriggio di ...

Lascia un commento