Home » COMUNI » Sclerosi Sistemica, se ne parla ancora poco. Incontro all’ospedale Pugliese-Ciaccio

Sclerosi Sistemica, se ne parla ancora poco. Incontro all’ospedale Pugliese-Ciaccio

Sclerosi Sistemica, se ne parla ancora poco. Per affrontare l’argomento, per informare, per sensibilizzare, per educare, per fare prevenzione si tiene un incontro presso il presidio ospedaliero Pugliese-Ciaccio di Catanzaro.

Iniziativa promossa dalla Lega Italiana Sclerosi Sistemica  con il contributo incondizionato di DS MEDICA, Patrocinato da Regione Calabria, SSR Salute e Politiche Sanitarie, AO di Catanzaro Pugliese Ciaccio, Ordine dei Medici di Catanzaro, Comune di Catanzaro.

Una giornata dedicata all’informazione e alla prevenzione sulla Sclerosi Sistemica Progressiva quella promossa per sabato 30 giugno dai volontari territoriali della Lega Italiana Sclerosi Sistemica Onlus.

Dalle 9,00 alle 14,00 presso il reparto di Medicina V° piano, scala B dell’ospedale – medici, infermieri e volontari dell’associazione, saranno a disposizione dei cittadini per fornire informazioni e per eseguire una prima valutazione clinica. Vi sarà, infatti, l’opportunità di essere sottoposti gratuitamente a capillaroscopia: un esame assolutamente indolore che permette uno studio del micro-circolo digitale delle mani utile per intercettare, nella fase iniziale, il fenomeno di Raynaud (o della così detta “mano fredda”).  È, infatti, quest’ultimo, insieme all’aspetto delle dita delle mani “a salsicciotto”,  tra i primi sintomi  visibili di una malattia del tessuto connettivo come la Sclerosi Sistemica. Il quadro che emergerà dalla capillaroscopia permetterà di capire se è necessario procedere con ulteriori accertamenti. Facendo già una distinzione tra fenomeno di Raynaud primitivo o secondario si potrà poi avviare un percorso diagnostico specifico.

La Sclerosi Sistemica Progressiva è una malattia rara, reumatica, autoimmune e sistemica a carico del tessuto connettivo. In Italia interessa oltre 25 mila persone, per la maggior parte donne e in prevalenza tra i 30 e i 50 anni. Possono verificarsi casi di familiarità, ma più spesso è una malattia sporadica. La diagnosi precoce è fondamentale per la prevenzione dei danni d’organo e dell’evoluzione della malattia che talvolta può condurre ad una marcata invalidità o addirittura alla grave compromissione del sistema circolatorio e renale. Gli studi degli ultimi anni hanno permesso di migliorare la qualità della vita e di prolungare in modo significativo la sopravvivenza dei pazienti.

La Lega Italiana Sclerosi Sistemica Onlus –  l’unica Associazione Nazionale di Pazienti e Famigliari  che si occupa di Sclerosi Sistemica –  nasce a Milano nel gennaio 2010. Iscritta ai Registri del Volontariato e della Solidarietà Familiare, ha come missione quella di “informare, sensibilizzare, educare”. E’ presente sul territorio nazionale, promuove campagne educative e rappresenta gli associati presso enti ed istituzioni preposti alla tutela del diritto alla cura. Per ulteriori informazioni www.sclerosistemica.info email: eventi@sclerosistemica.info

PER SAPERNE DI PIU’ CLICCA SULL’IMMAGINE SOTTO.

Print Friendly, PDF & Email

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Da Platania a Carlopoli, la “Motopasseggiata quad e moto” sulle strade del Reventino

E’ arrivata alla III edizione della “Motopasseggiata quad e moto” percorrendo vari tratti di piste ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *