giovedì , 12 Dicembre 2019
Ultime Notizie
Home » COMUNI » Colosimi » Qualità dell’acqua, la Sorical presenta l’esperienza sugli innovativi processi di potabilizzazione

Qualità dell’acqua, la Sorical presenta l’esperienza sugli innovativi processi di potabilizzazione

L’esperienza della Sorical nelle tecnologie avanzate di potabilizzazione è stata presentata a Bari al Festival dell’Acqua, in corso presso l’Università di Bari e promossa da Utilitalia (la Federazione che riunisce le aziende operanti nei servizi pubblici dell’acqua, dell’ambiente, dell’energia elettrica e del gas). Ricordiamo che la Sorical (Società Risorse Idriche Calabresi) è una società mista a prevalente capitale pubblico regionale gestisce in concessione tutti gli impianti che l’ex Cassa per il Mezzogiorno ha trasferito alla Regione Calabria, si tratta di un imponente impianto infrastrutturale che garantisce l’erogazione dell’acqua con elevati standard di qualità a 363 Comuni, attraverso 6.000 km di condotte, 900 serbatoi, 300 impianti di sollevamento e 13 impianti di potabilizzazione.

Pubblichiamo la notizia dato che nel gruppo che ha illustrato a Bari la “buona pratica” dell’esperienza calabrese, c’è anche l’ingegnere Francesco Rocca, originario di Colosimi, che come redazione de ilReventino.it intendiamo evidenziare dato che si tratta di un altro caso in cui un emerge un professionista appartenente all’area centrale della Calabria e al territorio di riferimento di cui ci occupiamo, con impegno quotidiano, nell’intento di promuovere e fare conoscere in tutte le potenzialità questo entroterra di Calabria.   

Ritornando alla notizia, per come riporta una nota pervenuta in redazione, si evidenzia che il responsabile dei Processi della Sorical, Vincenzo Pisani, e Andrea Gialdrone, della Chimica D’Agostino, Busines-Unit specializzata nel trattamento delle acque con sedi in Italia e all’estero, hanno presentato uno studio condotto in Sorical, negli ultimi anni, sugli impianti di potabilizzazione.

Sorical nel 2015 ha prodotto complessivamente 273 milioni di metri cubi di acqua potabile di cui 51,3 milioni dai 13 Ipot (impianti di potabilizzazione).

Nel settore dei processi di potabilizzazione, negli ultimi anni, si sono registrate profonde innovazioni di prodotto e di processo che Sorical ha raccolto costituendo all’interno della società una area impianti gestita da Francesco Rocca e un settore “Processi” affidato a Vincenzo Pisani che ha illustrato i risultati dello studio.

“Potabilizzare l’acqua non è semplice – afferma Pisani – in Calabria abbiamo diverse categorie di acqua, per alcune si effettua una semplice disinfezione, per altre acque più complesse necessita un trattamento chimico e fisico più complesso. In Sorical da tempo abbiamo abbandonato l’ipoclorito e stiamo passando al biossido di cloro con la tecnologia del “Purate”, tecnologia che consente di avere una minore formazione di cloriti e clorati e ci concede di utilizzare il biossido nelle acque grezze che permette di ossidare il ferro e il manganese presenti in alcune acque”.

“La missione di Sorical – aggiunge Francesco Rocca – è dare acqua di buona qualità e per questo siamo venuti qui a Bari a presentare le nostre innovazioni. Nel corso di questi anni abbiamo applicato nuovi processi di potabilizzazione grazie a partner industriali con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’acqua che forniamo ai Comuni”. Sulla qualità dell’acqua potabilizzata Rocca puntualizza che  “Sorical effettua oltre 5.000 controlli attraverso il laboratorio di analisi interno di cui 3.236 di “routine” a cui si aggiungono i monitoraggi nelle dighe, all’ingresso degli Ipot”.

Sotto un il video sull’iniziativa: Festival dell’Acqua 2017, Sorical presenta studio su trattamento acqua.

 

di: Santino Pascuzzi

Santino Pascuzzi
Santino Pascuzzi, nasce a Cosenza, ed è residente a Soveria Mannelli. Diplomato al Liceo Scientifico “Luigi Costanzo” di Decollatura, consegue nell’anno accademico 1993/94 la laurea in Scienze Economiche e Sociali, indirizzo Organizzazione Aziendale ed Amministrazione Pubblica, presso l’Università degli Studi della Calabria. Corrispondente del quotidiano Gazzetta del Sud, dal 1995, iscritto all’albo dei Giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Formativa l’esperienza radiofonica, come conduttore e programmatore del palinsesto, svolta con l’emittente Radio Soveria Uno, partecipando anche al progetto di utilità collettiva art. 23, avente per oggetto la diffusione di informazioni sull’attività dell’ente locale, attraverso la redazione delle edizioni dei notiziari radiofonici, svolto per il periodo tra gli anni 1988/1989. Ha partecipato come collaboratore ai lavori di ricerca “Istituzioni locali e Istituzioni centrali dall’Unità alla Regionalizzazione” finanziata dal C.N.R. presso il Dipartimento Organizzazione Aziendale e Amministrazione Pubblica - Università della Calabria - per il periodo 1992/1994. Ha svolto incarichi come docente nei corsi di specializzazione dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Soveria Mannelli per le materie di Marketing ed Economia Aziendale. Svolgendo, nel contempo, attività di comunicazione istituzionale ed organizzazione di eventi e convegni, ha curato la pubblicazione di articoli per riviste e periodici regionali: Calabria - mensile del Consiglio Regionale della Calabria; reportage - periodico del lametino; Internet Extra - periodico specializzato e strumento per la diffusione della cultura di Internet; Obiettivo Calabria – rivista del Sistema Camerale Calabrese; Mediaterraneo e Dintorni – pubblicazione edita dall’aeroporto di Lamezia Terme. E’ fondatore, insieme a Raffaele Cardamone e Salvatore La Rocca, occupandosi della redazione, del sito www.ilReventino.it

Verifica altro

“Lupus Eritematoso Sistemico in Calabria” convegno a Lamezia Terme con diversi specialisti della patologia

Spesso sentiamo parlare di Lupus, ma la malattia che si cela dietro al nome nella ...

Lascia un commento