mercoledì , 19 Febbraio 2020
Ultime Notizie
Home » COMUNI » Bianchi » Presepe Vivente a Bianchi, tre rappresentazioni di grande suggestione

Presepe Vivente a Bianchi, tre rappresentazioni di grande suggestione

Bianchi – Grande successo di apertura per la prima serata della seconda edizione del Presepe Vivente di Bianchi.

 

Promosso dalla parrocchia San Giacomo Apostolo e in collaborazione con l’amministrazione comunale, tre le serate in programma 26-29 dicembre 2019  e 6 gennaio 2020. Cornice delle rappresentazioni il centro storico del paese riportato all’antica Betlemme per rivivere la nascita di Gesù Bambino.

Diciotto le postazioni fisse realizzate nelle case disabitate e magazzini lungo le viuzze di un centro ormai inesorabilmente proiettato allo spopolamento.

L’evento con le sue circa sessanta comparse, ha riprodotto fedelmente gli aspetti lavorativi e sociali di vita dell’epoca. Una fusione di spirito ed atmosfera, organizzazione, accoglienza, impiego e fatica ha regalato ai visitatori uno spettacolo molto apprezzato soprattutto per la sua semplicità.

Giovani, meno giovani e ragazzi si sono calati in uno scenario che li ha portati a rivivere i momenti più salienti della nascita di Gesù, grazie al sapiente uso delle luci, torce, botteghe di un tempo come quella del fabbro, falegname, ciabattino e dell’oste e dalla grotta di Bethleem.

Molto soddisfatto, nonostante il duro lavoro don Giuseppe Trotta parroco di Bianchi e Colosimi e le suore suor Luisa, Evelina e Maria Be (Adoratrici Santissimo Sacramento) che si sono spese per la buona riuscita.

Un gruppo di volontari, animato di buona volontà e spronati dal dinamico don Giuseppe hanno tramandato anche quest’anno la tradizione più sentita dai cattolici cristiani.

Grande l’entusiasmo fra i partecipanti, che con passione e interesse il giorno di Santo Stefano, aiutati da una tiepida giornata hanno indossato abiti del tempo, creato scenografie e trasformato il centro storico in una piccola Betlemme millenaria. Tanta l’emozione fra chi ha voluto rivivere in prima persona la nascita di Gesù per riscoprirne il vero significato “dell’avvento”.

“Il Presepe, la nascita di Cristo – ha spiegato don Giuseppe – è un evento senza tempo, che si rinnova continuamente, e noi facciamo parte di quella compagine dai pastori ai magi, poveri e ricchi, tutti che celebrano il Dio che si è fatto uomo”.
Per il sindaco Pasquale Taverna è “occasione di crescita del paese, far conoscere le tradizioni, i suoi personaggi, la sua storia i suoi prodotti tipici, la bellezza e la suggestione di luoghi salubri e soprattutto ospitali”.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Colosimi, incontro di avvio del progetto S3HM per monitorare edifici storici e strategici

Sperimentazione in tre Comuni del Savuto per monitorare edifici storici e strategici. Nella sala consiliare ...

Lascia un commento