Ultime Notizie
Home » COMUNI » Petronà, fiumi di parole per aprire una nuova porta laterale della chiesa madre

Petronà, fiumi di parole per aprire una nuova porta laterale della chiesa madre

Petronà  – La Federazione italiana abbattimento barriere architettoniche (FIABA onlus) sta con don Giorgio e scrive al ministro Franceschini per segnalare la vicenda del diniego sulla realizzazione di un porta laterale di accesso alla chiesa madre del paese. Di fatto si stanno sprecando fiumi di parole per una porta.

Da un lato il parroco di Petronà don Giorgio Rigoni, dall’altra parte la Soprintendenza regionale: il prete di origini venete vuole realizzare una porta laterale per consentire l’accesso a disabili e anziani alla chiesa madre, la Soprintendenza non autorizza i lavori  perché depauperano l’aspetto architettonico della struttura.

Ora nell’annosa diatriba si inserisce anche FIABA onlus, una prestigiosa organizzazione senza scopo di lucro impegnata nell’abbattimento di tutte le barriere. La Federazione italiana abbattimento barriere architettoniche sta con don Giorgio e lo fa scrivendo una lettera alla Soprintendenza per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone e al ministro per i beni e le attività culturali Dario Franceschini.

Si legge nella missiva, a firma del presidente nazionale FIABA  e grande ufficiale della Repubblica Giuseppe Trieste, indirizzata alla Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio: “Siamo contro le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali che precludono  la possibilità di godere e vivere l’ambiente in tutte le sue forme.

Per questo promuoviamo la total quality e la progettazione di ambienti totalmente  accessibili secondo i principi dell’universal design la progettazione per tutti, finalizzata all’inclusione sociale e all’uguaglianza nel rispetto della diversità umana attenta ai bisogni , alle esigenze e ai desideri delle persone. Siamo venuti a conoscenza della questione legata all’accessibilità della Chiesa madre di Petronà che di seguito riassumiamo brevemente. Nel 2015 si è iniziato a pensare di abbattere barriere architettoniche nella Chiesa di Petronà per consentire l’accesso a tutte le persone a ridotta mobilità(non solo persone con disabilità, ma anche anziani, famiglie con passeggini ecc.) nonché assicurare una via di fuga sicura in caso di emergenza.

Il progetto ha però ricevuto il veto della Soprintendenza, il primo divieto ufficiale il 30/08/2018 e quello definitivo il 22/11/2018. Successivamente sono intercorsi telefonate, lettere e incontri a Cosenza, grazie ai quali è stato ottenuto un sopralluogo durante il quale è stata avanzata la proposta di aprire una porta su un vicolo in salita e molto stretto, chiaramente non idoneo al passaggio di persone a ridotta mobilità.

Intorno alla metà di settembre di quest’anno si è tenuto un incontro con il nuovo soprintendente Mariano Bianchi, ma, nonostante i primi segnali di apertura, la situazione non si è sbloccata. Sono seguite lettere al Soprintendente Bianchi del 16/102019, raccomandata con ricevuta di ritorno del 22/10/2019 e PEC del 16/11/2019, al momento senza risposta, Pertanto le chiediamo cortesemente un riscontro motivato alle istanze inviate al fine di poter risolvere congiuntamente e nel migliore dei modi la problematica.”

La porta c’è già, i diritti negati pure: la speranza di tanti cittadini di Petronà è che l’acronimo FIABA porti in modo celere al lieto fine e consentire l’accesso al principale luogo di culto a disabili e anziani, facendo in modo che le persone contino più delle cose.

Enzo Bubbo

di: Enzo Bubbo

Enzo Bubbo
Enzo Bubbo è nato e vive a Petronà. Insegna lettere presso l'Istituto comprensivo "Corrado Alvaro" di Petronà. Ha scritto per Il Domani, Calabria Ora, Catanzaro Informa e ora anche per ilReventino.it. Coltiva la passione per la scrittura sin dal 1999.

Verifica altro

Coronavirus in Calabria: quinta vittima

Coronavirus Calabria: totale dei positivi sale a 733 con un +42 rispetto a ieri

Sono 42 i nuovi positivi al Coronavirus oggi in Calabria. Il totale ora si attesta a 733. Si registrano altri 4 decessi.

Lascia un commento