mercoledì , 11 Dicembre 2019
Ultime Notizie
Home » LUOGHI » Orme nel Parco, il primo parco avventura ed eco-esperienziale in Calabria, inaugura punto ristoro

Orme nel Parco, il primo parco avventura ed eco-esperienziale in Calabria, inaugura punto ristoro

di Enzo Bubbo –

Orme nel Parco, il primo parco avventura ed eco-esperienziale in Calabria, immerso in un bellissimo bosco di faggi di tre ettari, in uno degli scenari più suggestivi e incontaminati del Parco Nazionale della Sila in località Tirivolo di Zagarise, inaugura il nuovo punto ristoro che, nel maggio del 2017, era andato distrutto a seguito di un incendio e lo fa regalando una giornata gratuita ai suoi più affezionati clienti.

Sono trascorsi poco più di due anni da quel tragico giorno in cui centinaia di clienti si sono stretti attorno a Giovanni Leonardi e Massimiliano Capalbo, i due soci che nel lontano 2008 hanno portato in Calabria per la prima volta un parco avventura che è diventato un modello ed un esempio per molti di come si possa fare turismo sostenibile in montagna. Un parco realizzato senza finanziamenti pubblici, a 1600 mt di altitudine, a 20 km dal primo centro abitato, senza elettricità per i primi 5 anni di attività e senza copertura telefonica ancora oggi che è stato in grado di attrarre circa 150 mila persone in 10 anni. Da quel tragico giorno Giovanni e Massimiliano si sono rimessi al lavoro per ricostruire quello che il fuoco aveva distrutto.

Sentiamo di dover ringraziare tutti i clienti e i fornitori che in questi anni difficili ci hanno sostenuto, hanno pazientato, ci hanno dato la possibilità di riprendere ossigeno per ripartire – afferma l’amministratore Giovanni Leonardi – in questi anni non ci siamo fermati, abbiamo rilanciato con l’avvio di nuovi servizi e attività come la prima area benessere nel bosco e, quest’anno, la possibilità di pernottare nelle baite dello storico Villaggio Grechi.

Alla giornata ha preso parte Massimiliano Capalbo che da gennaio non è più socio di Orme nel Parco ma continua a collaborare con il parco nella realizzazione di esperienze eco-sensoriali e campi eco-esperienziali. “La nuova baita è ancora più bella di quella precedente – afferma Massimiliano – sono convinto che il parco ha tutte le carte in regola per riprendere il suo viaggio verso la valorizzazione di un’area tanto bella quanto selvaggia come Tirivolo. La collaborazione con Giovanni continua sotto altre forme, dopo aver contribuito ad avvicinare le persone ai parchi nazionali ho pensato che era arrivato il momento che i parchi andassero dalle persone. E’ questo lo spirito che animerà i miei progetti da oggi in poi. Io e Giovanni abbiamo rappresentato un esempio per l’imprenditoria calabrese sia quando eravamo insieme sia nel momento della separazione, riconoscendo e salvaguardando ciascuno le prerogative dell’altro. Questo consente di moltiplicare le occasioni di collaborazione e non di ridurle come spesso siamo erroneamente portati a pensare.

Intanto l’esperienza di Orme nel Parco, citata dal 2013 ad oggi in molti libri, trova ospitalità in un altro volume edito da Rubbettino, in uscita ad ottobre, e fa parte di un progetto editoriale dell’Osservatorio Regionale Banche Imprese di Economia e Finanza dal titolo: Non siamo meridionalisti. Mezzogiorno in progress? in collaborazione con la giornalista Cinzia Ficco che ha intervistato Massimiliano Capalbo che, assieme ad un folto gruppo di imprese, persone, donne, uomini, e giovani da un lato, di economisti, statistici, sociologi, esponenti del mondo associativi e intellettuali, dall’altro, si sono riuniti per dare corpo al progetto e ciascuno per la sua parte, in autonomia di giudizio e di visione oltre che con rigore e generosità, hanno fornito la loro esperienza, il loro sapere ed il loro impegno per una mappatura del percorso in cui il Mezzogiorno è impegnato. Esso trova nel pregevole affresco che emerge dai racconti e dalle interviste e dall’ampio e articolato corpus dei saggi scientifici, uno spaccato di un Mezzogiorno consapevole di se’ e pronto alla sfida del futuro che tuttavia richiede unità di intenti e coerenza con le strategie della nazione tutta.

I protagonisti di questo volume hanno voluto offrire, a quanti sono chiamati ad operare sul campo, il sentimento del loro orgoglio contagioso, consci che vivere in un ambiente difficile irrobustisce muscoli e cervello e quindi sviluppa capacità, introvabili altrove, foriere di sicuro successo. A quanti sono chiamati a decidere le politiche per sostenere gli sforzi di chi vive e vi opera e per attrarre nuovi investitori, degli elementi di riflessione, speriamo utili. Ai meridionali tutti la voglia di andare avanti e la certezza di potercela fare. Ai politici lo stimolo a costruire strategie di grande respiro per ridare fiato alla corsa del Mezzogiorno e spinta a quella dell’Italia. Agli studiosi un’ulteriore occasione di confronto. Ai giovani, ed in particolare agli studenti ed a quanti avvertono il desiderio di interessarsi del Mezzogiorno, degli stimoli a pensare e a maturare decisioni in linea con le loro passioni ed anche con il futuro della loro terra.

In questi giorni è online anche il nuovo sito di Orme nel Parco dove trovano spazio la nuova mission, il restyling del marchio e i nuovi servizi disponibili presso il parco.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Petronà, paese in festa per omaggio alla castagna: successo per XXXIX sagra della caldarrosta

di Enzo Bubbo – Petronà e la castagna: un binomio inscindibile. Protagonista indiscussa delle tavole ...

Lascia un commento