martedì , 19 Novembre 2019
Ultime Notizie
Home » FATTI » Le politiche per la non autosufficienza sono un diritto di cittadinanza: serve confronto

Le politiche per la non autosufficienza sono un diritto di cittadinanza: serve confronto

Lamezia Terme, 5 novembre 2019 si è tenuto a Lamezia Terme il SeminarioNon autosufficienza: una sfida collettiva a tutela delle persone fragili organizzato dal Forum del Terzo Settore del Lametino per la preparazione degli indirizzi strategici per l’utilizzo dei Fondi della Non autosufficienza, presenti all’iniziativa ben tredici Comuni.

La pressione generata dall’invecchiamento della popolazione, dal numero di non autosufficienti e le sue ricadute socio-economiche fanno della non autosufficienza uno dei temi “caldi” del dibattito sulla riorganizzazione dei sistemi di welfare, soprattutto territoriale.

Sinora la risposta data dal territorio Lametino e Reventino è stata caratterizzata da una frammentazione disorganica di interventi, con conseguente rischio di non appropriatezza delle prestazioni e dispersione delle risorse.

Cardine della riflessione è stata la necessità di un approccio multidimensionale integrato, fondato su un sistema articolato, che presupponga sinergie fra servizi sanitari e sociali, fra professionalità diverse, fra i diversi attori pubblici e privati, ets, coinvolti nella pianificazione ed erogazione dell’assistenza. Dato che ci si muove su un terreno friabile, è fondamentale il confronto plurale tra gli attori coinvolti. Infine, è necessaria una elaborazione graduale. Dunque, il modo più auspicabile di procedere è quello in cui «si indicano delle strade, ci si confronta sui dati e tra gli attori».

La strategia di monitoraggio per le aree interne coordinata dal Forum del Terzo Settore del Lametino (Ente riconosciuto dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali l’avviso pubblico del 4 agosto 2017 articoli 59 e 64 del codice del terzo settore), rappresenta una strada importante e innovativa per il territorio del lametino e del reventino”.

“Per questo – conclude la Portavoce Graziella Catozza – punto sul marketing relazionale, che si fonda su un processo di tipo circolare, che prende avvio dallo studio dell’utente, ha il suo culmine con il soddisfacimento dei bisogni dello stesso con un insieme di attività volte a facilitare e a realizzare gli scambi tra Comuni.  Ciò, richiede un approccio gestionale integrato per coordinare gli sforzi di diversi settori verso l’obiettivo comune: migliorare i servizi e tutelare le persone fragili per creare valore sociale. Questo territorio necessita di un radicale cambiamento delle politiche sociali.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Sersale, sedici volte no del sindaco Salvatore Torchia alla gestione privata di Valli Cupe

Sersale – La proposta di legge regionale sulla gestione dell’area protetta Valli Cupe? Se fosse per ...

Lascia un commento