Home » COMUNI » Bianchi » Le comunità di Bianchi e Colosimi hanno vissuto il Corpus Domini nella preghiera e meditazione

Le comunità di Bianchi e Colosimi hanno vissuto il Corpus Domini nella preghiera e meditazione

Anche quest’anno la comunità di Bianchi e Colosimi, animate del loro giovane e dinamico parroco don Giuseppe Trotta, hanno vissuto nella preghiera e nella meditazione la giornata del Corpus Domini (Corpo del Signore), una delle solennità più sentite a livello popolare.

Con la celebrazione della Santa Messa e la Processione per le vie del paese, domenica mattinata a Bianchi e nel pomeriggio a Colosimi, si è conclusa la solennità del Corpus Domini che affonda le sue radici nella Gallia belga.

Don Giuseppe, parroco dei due paesi dell’Alto Savuto nel corso della sua omelia, ha richiamato l’attenzione di una chiesa gremita sul significato religioso, ricorrenza proposta per la prima volta a Liegi, in Belgio e successivamente istituita nel 1264 da Papa Urbano IV con la bolla “Transiturus de hoc mundo”.

Ha esortato la comunità ad essere “buoni cristiani“ <<non è sufficiente – ha detto – venire a pregare in chiesa, ma soprattutto quando si è fuori di essa bisogna vivere e amare il prossimo come Cristo ci ha insegnato>>.

Poi ha aggiunto che oggi viviamo in un “mondo fluido”, che non lascia quasi traccia di se, incoerente un “fai da te – all fast” (tutto veloce) e così anche il tempo che si dedica alla preghiera. <<Frutto di scelte arbitrarie e di comodo – ha concluso – non ha senso vivere cosi, perché noi cristiani dobbiamo “prendere e dare” altrimenti non ha senso di essere cattolici>>.

Al termine della Messa dove il coro parrocchiale ancora una volta ha dato il meglio di se, ha avuto inizio la processione del Corpus Domini lungo un percorso ben delineato con una  rappresentazione visiva di Gesù che percorre le strade dell’uomo, creatura con un anima razionale, che  ha pure bisogno di nutrimento sia intellettivo, che spirituale (fede, speranza, amore) attraverso il” cibo” dell’eucaristica.

Tanta la gioia e la commozione nel vedere tantissimi chierichetti, bambini che hanno fatto quest’anno la prima comunione, bambini e giovani formare due ali con a capo la Croce e al centro l’ostensario portato da don Giuseppe, il baldacchino e con a seguito il sindaco Tommaso Paola, il maresciallo dei Carabinieri Matteo di Pierro e una comunità intera.  

La processione si conclusa davanti alla Palazzo Municipale con la solenne benedizione eucaristica. Grazie alla disponibilità e all’ingegno di un gruppo di ragazze e volontarie tutto si svolto in modo ordinato. Il percorro è stato addobbato con immagini fiorite, lancio di petali di rose lungo il corteo simbolo di purezza, allestito altarini, balconi addobbati con copriletto in segno di saluto e di devozione del Santissimo per onorare Gesù Eucarestia.

Print Friendly, PDF & Email

di: Pasquale Taverna

Verifica altro

Da Platania a Carlopoli, la “Motopasseggiata quad e moto” sulle strade del Reventino

E’ arrivata alla III edizione della “Motopasseggiata quad e moto” percorrendo vari tratti di piste ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *