mercoledì , 21 Agosto 2019
Ultime Notizie
Home » SPORT » La “Sila 3 Vette” conquista il mondo. Una “fiction” tutta in chiave sportiva nel cuore del Parco Nazionale della Sila

La “Sila 3 Vette” conquista il mondo. Una “fiction” tutta in chiave sportiva nel cuore del Parco Nazionale della Sila

Questa volta non parliamo di una nuova pellicola cinematografica, oppure di una serie televisiva targata Rai, ma bensì di una vera e propria realtà tutta calabrese.

Un orgoglio per il nostro territorio, una vera e propria cartolina in chiave sportiva, dove l’amore per la propria terra si mescola ai sacrifici dei duri allenamenti, e alla certosina organizzazione: stiamo parlando ovviamente della “Sila 3 Vette” che organizza la sfida invernale, con l’obiettivo di creare un evento turistico in Calabria passando dallo sport, con delle gare che si sviluppano sull’appennino calabro e precisamente sulle zone alte dell’altopiano dei monti della Sila.

Nella foto Giuseppe Guzzo e Mara Carchidi.

Riguardo all’articolo abbiamo optato per questo titolo proprio perché, come una fiction televisiva, questa straordinaria kermesse sportiva, racconta, episodio dopo episodio, una bella pagina tutta italiana e della Calabria.

È l’associazione “ASD-TMC 360 Sport” il motore propulsore per eccellenza di queste lodevoli iniziative, soprattutto grazie alla tenacia del presidente Giuseppe Guzzo e del vice presidente Mara Carchidi, ovviamente non tralasciando l’impegno dei tanti atleti. Una “Sila 3 Vette” che ottiene risultati eccellenti anche nei palcoscenici internazionali, in particolare nelle due “Winter Race” con le quali è gemellata.

Sila 3 Vette ha incassato con i suoi ambasciatori una vittoria all’IditaSport Alaska grazie alla grinta di Pasquale Larocca, risultando primo assoluto primo di categoria nella maratona svolta in Alaska”, ha affermato con soddisfazione Mara Carchidi.

“Mentre in Finlandia per la Rovaniemi150, Giovanni Bonazzi si è classificato primo della categoria Ski, Graziana Pè conquista un terzo posto nella categoria Foot. Il giovanissimo Diego Angella termina i 250 km della Rovaniemi”, ha continuato la Carchidi. “Bellissima esperienza e grandi risultati anche grazie ai nostri tre ragazzi calabresi, Saverio Jr Bianco (originario di Bianchi in provincia di Cosenza, secondo italiano a terminare la Rovaniemi66 nell’edizione 2019) ha incassato il secondo posto assoluto nella categoria FatBike. Pietro Grande di Catanzaro è il quarto assoluto in FatBike, mentre Giuseppe D’Amico di Camigliatello Silano porta a casa un nono posto nella Rovaniemi66.

Insieme al presidente Giuseppe Guzzo siamo molto soddisfatti di aver creato con la Sila 3 Vette un punto di riferimento per lo sport d’avventura in Italia, che parla del Sud e soprattutto ha il sapore del Sud”, ha concluso Mara Carchidi. Non resta che seguire i prossimi progetti di questa realtà italiana. Ne vedremo delle belle e probabilmente anche delle bellissime.

La foto è stata concessa da Mara Carchidi.

di: Omar Falvo

Omar Falvo
Omar Falvo: Laureato in Filosofia e Storia, Guida Ufficiale del Parco Nazionale della Sila, giornalista da anni collabora con diverse testate e settimanali nazionali. Tanti i reportage direttamente dal set della fiction "Don Matteo" e "Un passo dal cielo".

Verifica altro

Conflenti, Trekking Awards “La notte dei premi” attribuiti agli atleti per l’attività sportiva

Conflenti – La serata Trekking Awards “La notte dei premi” è stata seguita con partecipazione ...

Lascia un commento