Home » Rubrica - BUON CIBO » La ricetta di Piero Cantore: Risotto con i funghi marzuoli

La ricetta di Piero Cantore: Risotto con i funghi marzuoli

Questa settimana voglio proporvi una ricetta leggera ma sempre gustosa e particolare. Abbineremo lo zafferano ai funghi marzuoli tipici proprio di questo periodo, anche se ormai stanno per terminare. Infatti, il fungo marzuolo nasce nel periodo di fine marzo è dura fino a fine aprile. Si può trovare in molte montagne italiane ed è un fungo che nasce sotto la neve. Secondo me è un fungo piuttosto buono, con un gusto tutto particolare in bocca. Devo ammettere che, non essendo troppo forte, a me piace molto, soprattutto per questa sua croccantezza che lo rende molto particolare.

Partiamo dagli ingredienti (per 4 persone):

– 320 grammi di risotto carnaroli 

– 2 buste di zafferano 

– 300 grammi di funghi marzuoli 

– 20 grammi di funghi porcini secchi 

– 2 spicchi di aglio

– 2 noci di margarina vegetale 

– 500 ml di brodo vegetale

– sale e pepe quanto basta 

– prezzemolo tritato q.b.

Passiamo alla preparazione del piatto:

Iniziamo mettendo i funghi porcini secchi in mezzo litro di acqua bollente. Lasciamoli ammorbidire per circa 20 minuti.

A questo punto puliamo bene i funghi marzuoli sotto l’acqua corrente e tagliamoli a fette di media grandezza.

Prendiamo una padella antiaderente di media grandezza, mettiamo al suo interno un po’ di olio e due spicchi d’aglio, facciamo rosolare per bene il tutto e aggiungiamo i funghi. Lasciamoli cuocere per circa 10 minuti a fuoco moderato: per donare un gusto un po’ più deciso, aggiungiamo i funghi secchi e metà dell’acqua che li conteneva.

Continuiamo la cottura per altri 10 minuti e aggiungiamo la margarina vegetale e il prezzemolo tritato, amalgamiamo per bene il tutto e mettiamolo da parte.

Procediamo adesso alla cottura del riso. Io preferisco tostare il riso senza nulla, quindi prendo una padella di alluminio, la metto sul fuoco e inserisco il riso, lo faccio tostare a fiamma vivace finché toccandolo non risulterà ben caldo.

A questo punto aggiungiamo il brodo vegetale, due mestoli alla volta: il brodo, mi raccomando, sempre molto caldo. A metà cottura del riso, dopo circa 10 minuti, aggiungiamo, invece del brodo, l’acqua dei funghi secchi messa da parte, lo zafferano e continuiamo la cottura. Dopo circa 15 minuti, aggiungiamo i funghi e amalgamiamo per bene il tutto per altri 3 minuti.

Proviamo il riso e, se è cotto, lo mantechiamo con un po’ di olio d’oliva. Mi raccomando, fuori dal fornello! Poi serviamolo a tavola con sopra un po’ di funghi per decorazione e del prezzemolo tritato.

Abbinamento con il vino:

I funghi li abbino sempre con un buon bianco aromatico: per questa ricetta consiglio quindi un buon Tocai friulano.

di Piero Cantore

Print Friendly, PDF & Email

di: Piero Cantore

Piero Cantore vive a Camigliatello Silano ed è uno chef dell’Associazione Cuochi Professionisti Calabresi, un sommelier della Scuola Europea Sommelier e uno speaker radiofonico nazionale, votato alla gastronomia. Attualmente opera per il “Circuito ItaliaStampa” e realizza programmi dedicati al mondo della gastronomia come: La cucina a modo mio; Vinradio; Gastronotizie; In Viaggio Gustando. Quelle che lui stesso definisce come: “Piccole rubriche ma gustose!”

Verifica altro

La ricetta di Piero Cantore: Tartàre di anguria con seppie

Da questa settimana inizia il nostro viaggio alla scoperta dei piatti dedicati all’estate. Si tratta ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *