Ultime Notizie
Home » CULTURA&SPETTACOLI » Joca, il “Che Guevara” di Calabria nel nuovo libro di Alfredo Sprovieri, giovedì la presentazione a Lamezia Terme

Joca, il “Che Guevara” di Calabria nel nuovo libro di Alfredo Sprovieri, giovedì la presentazione a Lamezia Terme

In agenda

Lamezia Terme – “Joca, il Che dimenticato” è il nuovo libro di Alfredo Sprovieri, giornalista e direttore del sito la Mmasciata.it, che giovedì 19 aprile alle 18 sarà presentato all’interno della biblioteca galleggiante dello spettacolo del Tip Teatro di Via Aspromonte a Lamezia Terme. All’incontro prenderanno parte l’autore Alfredo Sprovieri e Alessia Truzzolillo giornalista del Corriere della Calabria.

“Nella vita bisogna fare una scelta. Lo so che questo non è il mio paese, ma c’è la libertà da difendere e se nessuno ci prova le cose non cambieranno mai”. Libero Giancarlo Castiglia emigrò in Brasile dalla Calabria a metà degli anni ’50. Dopo un’esperienza come metalmeccanico a Rio De Janeiro, iniziò a collaborare con la redazione del giornale comunista “A Classe Operaria”. Anni difficili, quelli della dittatura militare che depose con la forza il governo del trabalhista João Goulart: il nuovo governo proibì gli scioperi e nel 1965 mise fuori legge le forze politiche avversarie. Castiglia poteva tornare in Italia, ma decise di lottare. 

L’ inchiesta e il libro. La risposta è sempre stata il silenzio. Nessuno ha mai voluto dare alla famiglia quello che gli spetta di diritto e la storia di Castiglia sarebbe probabilmente rimasta sconosciuta senza l’ostinazione di un giovane giornalista calabrese, Alfredo Sprovieri, che si è messo a caccia di documenti inediti, verbali coperti da segreto, testimoni dell’epoca e adesso ha raccolto tutto il lavoro di anni in un libro pubblicato da Mimemis/Passato Prossimo: “Joca, il Che dimenticato”, la vera storia del ribelle italiano che sfidò il regime dei Gorillas, è un’inchiesta puntigliosa e appassionante impreziosita dall’introduzione di Goffredo Fofi: “Quello di Sprovieri – scrive l’intellettuale umbro – è un libro sul nostro pallido e conformista presente (chissà se anche brasiliano), su un’epoca in cui non si crede più nella possibilità di cambiare il mondo e nella scelta di seguire attivamente la strada della giustizia sociale sino in fondo, correndo tutti i rischi che questa scelta obbligatoriamente comporta. Una storia di semplici militanti, contadini, operai, artigiani, gente comune, emigrati” (La Repubblica).

Alfredo Sprovieri, di San Pietro in Guarano, è un giornalista d’inchiesta e reportage e ha deciso di raccogliere una serie di documenti inediti, verbali coperti da segreto, testimoni dell’epoca e adesso ha raccolto tutto il lavoro di anni in un libro pubblicato da Mimemis/Passato Prossimo: “Joca, il Che dimenticato”. “Quello di Sprovieri – scrive Goffredo Fofi nell’introduzione – è un libro sul nostro pallido e conformista presente (chissà se anche brasiliano), su un’epoca in cui non si crede più nella possibilità di cambiare il mondo e nella scelta di seguire attivamente la strada della giustizia sociale sino in fondo, correndo tutti i rischi che questa scelta obbligatoriamente comporta”.

di: Valeria D'Agostino

Valeria D'Agostino
Giornalista pubblicista

Verifica altro

Decollatura, studenti piantano albero di magnolia come ceppo della memoria vittime Fiumarella

Presso l’Istituto secondario di primo grado di Decollatura si è tenuta la presentazione, a scopo ...

Lascia un commento