Ultime Notizie
Home » COMUNI » Il sindaco di Tiriolo: “Pronti alla mobilitazione contro il coinceneritore di Marcellinara”

Il sindaco di Tiriolo: “Pronti alla mobilitazione contro il coinceneritore di Marcellinara”

Tiriolo – <<Il comune di Tiriolo preannuncia che tenterà di impedire con ogni mezzo consentito dalla legge e anche attraverso il ricorso nelle opportune sedi giudiziali amministrative, civili o penali, l’ampliamento della capacità di bruciare rifiuti in un impianto che da cementificio verrà trasformato in coinceneritore senza che venga apportato alcun monitoraggio e alcuna modifica strutturale agli impianti calme, così come la stessa conferenza dei servizi nella seduta del 6.11.2019 aveva prospettato>>. E’ quanto rappresenta in merito con una nota, pervenuta in redazione, il sindaco di Tiriolo, Domenico Stefano Greco, preannunciando di essere pronti alla mobilitazione contro il coinceneritore di Marcellinara.

<<Riteniamo che chiunque nel comprensorio dell’istmo dei due mari ami i propri figli e rispetti la propria terra, ricca di storia e cultura, e riconosciuta da tutti per salubrità, ospitalità e potenzialità turistiche, al di là delle diverse sensibilità politiche e appartenenze partitiche, debba sentire il dovere morale di mobilitarsi e opporsi con forza per fermare chi  per interessi economici vuole uccidere il futuro>>. Una considerazione che esterna il sindaco di Tiriolo e che inoltre aggiunge quanto segue.

<<Il parere favorevole (contrari i sindaci di Marcellinara e Tiriolo) espresso nei giorni scorsi dalla Conferenza dei Servizi per il rilascio del provvedimento autorizzatorio unico per il progetto di “ampliamento delle capacità di valorizzazione energetica del combustibile solido secondario (Css) nell’impianto di produzione clinker di Marcellinara”, tenutasi presso la Regione Calabria – Dipartimento Ambiente e Territorio, rappresenta un chiaro ed inaccettabile insulto alla salute dei cittadini e al futuro di questa nostra martoriata terra.

E’ inquietante, inaudito ed incomprensibile che la Conferenza dei Servizi, a distanza di due mesi dalla precedente seduta, nella quale si era prospettata con pareri unanimi, la proposta di conclusione dell’iter amministrativo da rinviarsi alla seduta successiva con le seguenti modalità:
“monitoraggio ambientale per un anno senza variazioni delle attuali modalità gestionali e quantitativi di Css autorizzati”
acquisiti i risultati del monitoraggio, l’autorizzazione dell’incremento richiesto del quantitativo di Css sarà subordinata all’installazione di uno scrubber a secco e di un sistema catalitico di riduzione degli ossidi di azoto (Scr) …” cambi idea e si esprima contro i cittadini, rilasciando un parere favorevole (contrari i sindaci di Marcellinara e Tiriolo) incondizionato e senza pretendere modifiche sostanziali agli impianti Calme>>.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Carabinieri,eroi in trincea. La Compagnia di Rogliano in difesa della collettività

Diversi i militari positivi al Coronavirus Delle volte non facciamo mai caso ai piccoli piaceri ...

Lascia un commento