Ultime Notizie
Home » COMUNI » Il sindaco di Tiriolo “buone notizie per la ex SS 19 delle Calabrie” a seguito incontro a Serrastretta

Il sindaco di Tiriolo “buone notizie per la ex SS 19 delle Calabrie” a seguito incontro a Serrastretta

Tiriolo – Si è svolto un incontro a Serrastretta per discutere della strada del Medio Savuto, o meglio definire la problematica della “strada che non c’è” tracciato che dovrebbe collegare Catanzaro con Cosenza passando per le aree interne, e per individuare tutti insieme soluzioni concrete e non condannare bellissimi paesi e tante comunità fra i quali Tiriolo, San Pietro Apostolo, Decollatura, Soveria Mannelli, Carlopoli, Serrastretta (della Provincia di Catanzaro) ma anche tra gli altri quelli di Bianchi, Colosimi, Scigliano (della Provincia di Cosenza) al più completo isolamento e allo spopolamento. In pratica nell’occasione si è tenuto un un tavolo tecnico – istituzionale a cui hanno partecipato i sindaci del comprensorio, i rappresentati della Provincia ed il Comitato “la strada che non c’è”, a cui ha preso parte il viceministro Infrastrutture e Trasporti, Giancarlo Cancelleri, la deputata M5S Maria Elisabetta Barbuto ed i vertici dell’Anas.

L’intervento del viceministro Cancelleri.

A seguito dell’incontro, il sindaco di Tiriolo, Domenico Stefano Greco, ha rilevato il fatto che ci sono buone notizie per la viabilità della ex SS 19 delle Calabrie, un dato di fatto che è emerso dalla riunione.

In tal senso sono concordi le dichiarazioni per trovare delle soluzioni. Il viceministro Cancelleri ha detto: <<Ho incontrato i rappresentanti della Provincia, numerosi sindaci del territorio ed il Comitato “la strada che non c’è” in un tavolo tecnico con Anas per discutere dei progetti e dei lavori infrastrutturali locali. L’obiettivo è trovare soluzioni concrete per ridare dignità alla viabilità stradale calabrese>>. La deputata Barbuto ha rilevato <<stiamo proseguendo il tavolo tecnico di confronto con il territorio (iniziato un mese fa a Catanzaro presso la sede Anas) per definire la problematica della “strada che non c’è ” e individuare soluzioni concrete. Ci siamo aggiornati a marzo, prima data utile dopo la riflessione dei sindaci decisi a fare sintesi per risolvere l’annosa questione>>.

L’intervento del sindaco di Serrastretta.

Il sindaco di Tiriolo, in merito all’incontro, ha fatto sapere che nel corso del suo intervento si è soffermato soprattutto sulla urgenza di avviare i lavori di messa in sicurezza della viabilità in località “Petrara”

Il sindaco di Tiriolo.

In tal senso, questo tratto di strada dell’ex SS 19 proprio nei pressi di Tiriolo è interessata dal distacco di grossi massi dalla parete rocciosa di Monte Tiriolo, dove è aperto un cantiere e sono in corso gli interventi.

Il sindaco di Tiriolo, Domenico Stefano Greco, inoltre ha inteso richiedere di riprendere i lavori finalizzati alla riapertura al transito del tratto Pratora – Ponte Corace, l’importante tratto di strada che rappresenta uno snodo naturale verso la Città di Catanzaro, chiuso al transito da quasi vent’anni.

<<Il viceministro Cancelleri – ha detto il sindaco di Tiriolo – con questo suo terzo sopralluogo nel nostro comprensorio ha confermato la grande attenzione del Ministero Infrastrutture e Trasporti verso le problematiche oggetto dell’incontro mentre i vertici dell’Anas hanno specificato che con il Piano per le Strade di Rientro sono stati finanziati lungo l’ex SS della Calabrie i costosi interventi di messa in sicurezza della viabilità in località “Petrara” e di consolidamento del versante in località Pratora del Comune di Tiriolo, le cui progettazioni sono state affidate all’Accordo Quadro Progettazione.

I sindaci con il viceministro Cancelleri.

Un ringraziamento particolare  – aggiunge il sindaco di Tiriolo – al Comitato “La strada che non c’e” e al gruppo M5S di Serrastretta, organizzatori dell’incontro, al sindaco di Serrastretta Felice Molinaro, per la cortese ospitalità, alla deputata Maria Elisabetta Barbuto e al viceministro Giancarlo Cancelleri per il suo costante interessamento per la viabilità di questo comprensorio>>.

di: Santino Pascuzzi

Santino Pascuzzi
Santino Pascuzzi, nasce a Cosenza, ed è residente a Soveria Mannelli. Diplomato al Liceo Scientifico “Luigi Costanzo” di Decollatura, consegue nell’anno accademico 1993/94 la laurea in Scienze Economiche e Sociali, indirizzo Organizzazione Aziendale ed Amministrazione Pubblica, presso l’Università degli Studi della Calabria. Corrispondente del quotidiano Gazzetta del Sud, dal 1995, iscritto all’albo dei Giornalisti della Calabria, elenco pubblicisti. Formativa l’esperienza radiofonica, come conduttore e programmatore del palinsesto, svolta con l’emittente Radio Soveria Uno, partecipando anche al progetto di utilità collettiva art. 23, avente per oggetto la diffusione di informazioni sull’attività dell’ente locale, attraverso la redazione delle edizioni dei notiziari radiofonici, svolto per il periodo tra gli anni 1988/1989. Ha partecipato come collaboratore ai lavori di ricerca “Istituzioni locali e Istituzioni centrali dall’Unità alla Regionalizzazione” finanziata dal C.N.R. presso il Dipartimento Organizzazione Aziendale e Amministrazione Pubblica - Università della Calabria - per il periodo 1992/1994. Ha svolto incarichi come docente nei corsi di specializzazione dell’Istituto Professionale di Stato per l’Agricoltura e l’Ambiente di Soveria Mannelli per le materie di Marketing ed Economia Aziendale. Svolgendo, nel contempo, attività di comunicazione istituzionale ed organizzazione di eventi e convegni, ha curato la pubblicazione di articoli per riviste e periodici regionali: Calabria - mensile del Consiglio Regionale della Calabria; reportage - periodico del lametino; Internet Extra - periodico specializzato e strumento per la diffusione della cultura di Internet; Obiettivo Calabria – rivista del Sistema Camerale Calabrese; Mediaterraneo e Dintorni – pubblicazione edita dall’aeroporto di Lamezia Terme. E’ fondatore, insieme a Raffaele Cardamone e Salvatore La Rocca, occupandosi della redazione, del sito www.ilReventino.it

Verifica altro

Coronavirus in Calabria: 4 le vittime

Coronavirus: altri 10 nuovi contagi e 2 morti in Calabria

Si registrano 10 nuovi positivi al Coronavirus in Calabria. Nelle ultime ore sono morte altre 2 persone: il numero totale dei decessi in regione sale a 38.

Lascia un commento