Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Il “Mulino delle Arti”: non è più una sorpresa, ma riesce sempre a emozionarci

Il “Mulino delle Arti”: non è più una sorpresa, ma riesce sempre a emozionarci

Ogni anno dedichiamo un piccolo spazio al “Mulino delle Arti” di Soveria Mannelli e anche quest’anno non vogliamo essere da meno, soprattutto perché si tratta di uno spazio meritato.

Il “Mulino delle Arti”, di Antonella Cerra, si può dire sia tecnicamente una scuola di danza, ma è in realtà molto di più.

Lo si intuisce da come è stato preparato lo spettacolo di quest’anno, realizzato nel Palazzetto dello Sport di Decollatura; uno spettacolo che come al solito sarebbe troppo riduttivo definire un “saggio di fine anno”.

È evidente che in questo luogo si macina – nomen omen – il grano buono della creatività, così come nel vecchio mulino, di cui ha preso il posto, si macinava grano vero.

È un luogo fisico e mentale che ci appare proprio come un crogiolo di idee messe in atto e mai lasciate a languire in quegli angoli desolati della mente in cui si depositano i sogni irrealizzati.

Un posto in cui è di casa la gioia di vivere, capace di sprizzare da ogni singolo passo di danza e da tutti i sorrisi di ballerine e ballerini.

E a conferma di ciò, due ballerine hanno voluto esporre, durante l’esecuzione di una loro coreografia originale, un cartello con su scritto: “La danza è vita.” Uno slogan che ha interpretato perfettamente lo spirito della serata.

Per il resto, abbiamo potuto constatare quanta professionalità sia stata profusa: nelle belle coreografie, nei costumi mai fuori luogo, nell’impeccabile scelta musicale, nei bei testi così ben interpretati, nella macchina pressoché perfetta di tutte le componenti tecniche e creative.

Tutto come al solito, dunque. Tutto bene! Con in più un’anima, quella di Antonella, capace ancora di emozionarsi, nel finale collettivo, davanti a un pubblico che aveva a sua volta emozionato semplicemente attraverso la bravura delle sue allieve.

di Raffaele Cardamone

Print Friendly, PDF & Email

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Martirano, primo incontro gastro-musicale per un connubio vincente di tradizioni calabresi

Martirano – All’Otre di Eolo: cibo e musica tradizionale costituiscono un binomio vincente. “Pranzo Felice ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *