Ultime Notizie
Home » FATTI » Il danno del danno. Soppresse corse di collegamento tra Soveria Mannelli e Rogliano

Il danno del danno. Soppresse corse di collegamento tra Soveria Mannelli e Rogliano

di Giovanni Petronio –

La notizia trapelava da alcune ore, poi sul sito online e sul profilo social, la Ferrovie della Calabria, rendono noto che dal 30 aprile 2019: “le corse (su gomma) di collegamento da Rogliano a Soveria Mannelli e viceversa, saranno soppresse; ci scusiamo per il disagio”.

La notizia è un fulmine che si scaglia con veemenza sulle aree del Reventino e del Savuto che da troppi anni aspettano la riapertura dell’esercizio ferroviario nel tratto intermedio della ferrovia, ex Calabro-Lucane, Cosenza-Catanzaro, che dal 2009 è stato gradualmente interrotto e poi “sospeso” (ma mai soppresso) a causa di alcune frane e smottamenti severi che impediscono ogni possibile transito dei treni (http://ilreventino.it/ferrovia-cosenza-catanzaro-una-sintesi-di-questi-ultimi-10-anni-tra-passato-e-futuro/).

De facto, da anni, vi è un bus sostitutivo, che pur non essendo certamente un’esperienza entusiasmante (http://ilreventino.it/ferrovia-tratto-sostitutivo-autobus-racconto-del-viaggio-soveria-mannelli-rogliano/, è l’ultimo elemento di civiltà trasportistica e pendolare rimasta. In pratica è come se fosse l’ultimo appiglio, l’ultimo baluardo di una ferrovia gloriosa che ha permesso di non far morire i luoghi ed i suoi abitanti.

Privare completamente, sia pur di un minimo e parziale collegamento queste aree, è una scelta incomprensibile ed inaccettabile sotto qualsiasi punto di vista. Ferrovie della Calabria, nello striminzito comunicato, non parla di interruzione momentanea, ma asserisce che il servizio verrà del tutto soppresso. Come significato non lascia presagire a nulla di buono; soppresso, difatti, significa ABOLITO, ANNULLATO.

Il termine non prevede un futuro… Ma come è potuta accadere una cosa del genere?

Da cosa è potuto dipendere?

Non è che il problema è collegabile all’ondata di pensionamenti e dunque di mancate assunzioni che hanno provocato crepe e vuoti funzionali?

Sottolineo che forse potrebbe essere fatto valere l’art. 340 del codice penale che disciplina e, fattivamente, sanziona chi “interrompe o turba la regolarità di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità (…). I capi, promotori od organizzatori sono puniti con la reclusione”.

Nell’attesa che l’azienda spieghi e si impegni a trovare le soluzioni adeguate, tese a mitigare quello che debbo chiamare il danno del danno, ci si augura che gli amministratori “colpiti” facciano nell’immediatezza quadrato, senza campanilismi di sorta, e non acconsentano a talune, scellerate, decisioni, che provano ancora una volta i nostri già feriti territori.

di: Giovanni Petronio

Giovanni Petronio
Giovanni Petronio nasce l’8 settembre del 1985 a Soveria Mannelli (CZ) e risiede a Decollatura (CZ). Dopo la maturità scientifica ha studiato all’Unical dove ha conseguito, col massimo dei voti, tre lauree afferenti a Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Oggetto delle sue tesi sono stati i musulmani in Calabria e i deportati politici calabresi nei campi di concentramento nazisti, quest’ultimo tema ulteriormente sviluppato nel corso del Master Internazionale di secondo livello in Didattica della Shoah, presso l’università di Roma Tre, conseguito nel 2016. Nel 2017 ha pubblicato il libro “I Ragazzi della Fiumarella. Un disastro ferroviario a colori”, relativo al più grave deragliamento ferroviario italiano, verificatosi a Catanzaro il 23 dicembre 1961, con quale ha ottenuto attestati e riconoscimenti a livello nazionale, come il plauso del Presidente della Repubblica Mattarella, nel marzo del 2018. Attualmente si interessa alle problematiche riguardanti il Meridione e in particolare l’area del Reventino e del Savuto. Ha altresì contribuito ad avviare iniziative finalizzate alla riapertura del tronco ferroviario Soveria Mannelli-Marzi e, ad approfondire la problematica dell’inadeguatezza dei servizi su ferro della Regione.

Verifica altro

Nasce a Cicala l’Associazione Terra Mater

L’Associazione “TERRA MATER” nasce a Cicala, piccolo borgo della Presila catanzarese, dalla volontà di quattro ...

Lascia un commento