Ultime Notizie
Home » COMUNI » Gli studenti in videoconferenza si confrontano con un gruppo di ricercatori in Antartide

Gli studenti in videoconferenza si confrontano con un gruppo di ricercatori in Antartide

Un’esperienza che si ripete, un’opportunità per gli studenti di conoscere direttamente dai ricercatori, collegati in videoconferenza, i risultati della sperimentazione condotta nella base scientifica in Antartide.

Per il terzo anno consecutivo, l’Istituto d’Istruzione Superiore “L. Costanzo” di Decollatura, ha aderito al progetto “AUSDA – Adotta una scuola dall’Antartide”, iniziativa di divulgazione scientifica promossa dal PNRA, Piano Nazionale di Ricerche in Antartide. L’appuntamento è stato organizzato dall’ing. Giuseppe Pugliano, coadiuvato da tutto il personale della scuola, docente dell’IIS “L. Costanzo” e responsabile della sede dell’Istituto Professionale per Odontotecnici e per l’Agricoltura di Lamezia Terme guidato dal dirigente scolastico Antonio Caligiuri. L’iniziativa ha potuto contare sulla collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Nicotera-Costabile”, diretto dalla dott.ssa Maria Angela Bilotti.  Nella giornata di venerdì 31 maggio 2019 è stata effettuata, dall’auditorium dell’Istituto Comprensivo, una videoconferenza via Skipe, con la base di ricerca scientifica italo-francese Concordia, in Antartide.

Prima del collegamento, la dott.ssa Elisabetta Burgo, l’ing. Francesco Pellegrino dell’Unità Tecnica Antartide dell’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), componenti della XXXIV spedizione in Antartide, da poco ritornati in Italia e appositamente arrivati da Roma per la videoconferenza, hanno illustrato agli studenti gli scopi e l’importanza della ricerca in un continente così lontano e dalle condizioni climatiche così estreme.

Dall’altro capo del mondo, da una saletta della base italo-francese Concordia, con all’esterno una temperatura che oscilla in media sotto i 30 gradi e in assenza di luce solare – luoghi dove è stato registrato anche il record di circa -90 gradi – coordinati dallo “station leader” Massimiliano Catricalà del CNR, alcuni componenti della spedizione hanno risposto alle numerose domande poste degli studenti delle due scuole.

Oltre agli aspetti legati alla ricerca tecnico-scientifica dell’ENEA e del CNR, il collegamento ha permesso, agli studenti, di sperimentare le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione per scambi e continuità tra saperi scientifici e tecnologici attraverso l’uso dei servizi Internet e l’interazione tra studio delle conoscenze e attività pratico-sperimentali.

I tecnici dell’ENEA hanno manifestato la loro soddisfazione per lo svolgimento dell’iniziativa, complimentandosi per il comportamento degli alunni che hanno posto domande pertinenti e interessanti. L’ing. Pugliano e la dirigente Bilotti hanno ringraziato i tecnici dell’ENEA ed hanno dato loro appuntamento al prossimo anno scolastico, per un nuovo collegamento, magari in esterno, per una visione diretta di una parte della terra così lontana.

di: La redazione

La redazione
La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: [email protected] - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

Fiumefreddo Bruzio, “Maestri Fuori Classe” festival formazione e apprendimento continuo

Fiumefreddo Bruzio – Un albero con radici profonde è il simbolo che rappresenta Maestri Fuori ...

Lascia un commento