Home » FATTI » Gioco d’azzardo, il legame tra spesa pro capite e raccolta. La Calabria rispetta la media nazionale

Gioco d’azzardo, il legame tra spesa pro capite e raccolta. La Calabria rispetta la media nazionale

Che il gioco d’azzardo sia fortemente legato a una disponibilità economica limitata è uno dei cliché più utilizzati per parlare di ludopatia. La convinzione che la dipendenza dalle scommesse sia connessa, almeno in parte, alla necessità di trovare guadagni extra è diffusa, ma completamente falsa. Lo dimostra una ricerca statistica Infodata analizzata da Giochi di Slots.

La ricerca pubblicata è iniziata dalla lettura del contratto di governo firmato da Lega e Movimento 5 Stelle, in cui la questione del gambling veniva messa in stretta correlazione con la disoccupazione. Infodata ha quindi chiesto e ottenuto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli i dati sul gioco d’azzardo relativi ai primi sei mesi del 2017: la raccolta complessiva nel periodo è stata di poco superiore ai 37 miliardi di euro. Per raccolta, è bene ricordarlo, si intende l’intero volume di gioco, vale a dire la spesa effettiva più le vincite. L’Italia continua a far registrare un segno positivo nelle ultime annate, e forse per questo l’argomento ha attirato l’attenzione delle istituzioni. Non è servito tagliare il numero di slot machine, con il provvedimento previsto e applicato dal Partito Democratico che si è rivelato insufficiente alla diminuzione delle puntate. Sarà importante però delineare il valore del fenomeno a livello sociale.

La raccolta dei dati da parte di Infodata ha mostrato che non esiste una zona d’Italia in cui la raccolta pro-capite è palesemente maggiore di altre. E questo stride fortemente con la concezione “classista” del gioco, che attira chi ha bisogno di guadagnare tanto in poco tempo. La differente situazione economica di alcune zone d’Italia e i diversi tassi di occupazione registrati dalle regioni d’Italia (e spesso da provincie all’interno di un’unica regione) avrebbe dovuto dare un risultato molto più netto.

A dominare è invece la totale casualità dei risultati. La concentrazione leggermente maggiore si trova sulla riviera adriatica, dal Veneto alle Marche, ma probabilmente il fenomeno del turismo di massa, accompagnato dalla presenza massiccia di slot machine e mini-casinò, gioca un ruolo fondamentale. Il mezzogiorno dal canto suo risulta essere una delle zone meno colpite dalle puntate pro capite. Va ricordato infine che la percentuale di vincita media risulta essere il 76%: ogni euro scommesso, si ricevono in media 76 centesimi. Una tendenza che vale un po’ dappertutto, senza grosse differenze tra una zona e l’altra.

La Calabria presenta alcuni comuni piuttosto interessanti nella correlazione tra un reddito basso e un’alta spesa pro capite. Ricordando che la raccolta media è di 610€, esistono delle realtà che vanno ben oltre il limite nazionale. A Bovalino la spesa media per abitante supera i 1.200€, a Siderno i 1.000. Il picco più elevato si raggiunge però a Maida, con 2.545€ di raccolta pro capite a fronte di un reddito imponibile medio intorno ai 12.000€. Cifre che fanno riflettere, e dovranno essere il punto di partenza per l’amministrazione locale nel varare leggi adeguate alla diminuzione del gioco d’azzardo. Difficile pensare che una legge nazionale possa appianare l’enorme diversità presente tra i diversi comuni italiani, spesso anche tra città nella stessa provincia.

Print Friendly, PDF & Email

di: La redazione

La redazione si occupa di elaborare i testi e provvedere alla pubblicazione delle note pervenute. Per segnalazioni e comuncazioni scrivere a: redazione@ilreventino.it - Grazie - Se non intendi stare con le mani in mano ed essere parte attiva, per integrare il gruppo di redazione, ti invitiamo a partecipare.

Verifica altro

“Vocaboli, modi di dire e proverbi di Serrastretta”, una raccolta unica con più di 6000 termini

Nella splendida cornice della sala conferenze del Palazzo Pingitore di Serrastretta, gremita di gente come non ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *