Ultime Notizie
Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Garibaldina e Promozione calabrese: torniamo a parlare di arbitri

Garibaldina e Promozione calabrese: torniamo a parlare di arbitri

arbitro-02La Garibaldina di Soveria Mannelli finalmente ha vinto la sua prima partita di questo campionato, dopo tre sconfitte casalinghe e due esterne, intervallate da un solo pareggio.

Domenica scorsa, la squadra del Reventino ha infatti battuto largamente un avversario che ha dimostrato subito di essere alla sua portata, ma più o meno sullo stesso livello, cioè di essere una delle squadre con cui verosimilmente se la dovrà giocare fino alla fine per garantirsi la permanenza nella categoria.

Questo è sufficiente per sopire i nostri legittimi dubbi sull’utilizzo di una classe arbitrale sempre più giovane e inesperta da parte della Federazione?

Per chi vede il calcio dilettantistico – se ci consentite, in modo riduttivo – come strumento per il mero raggiungimento di risultati sportivi, potrebbe anche essere così. Ma per chi, più correttamente, lo interpreta come un’attività sana, legata a valori sportivi e umani, celebrati anche da molta letteratura, dal cinema e da intellettuali di prim’ordine, non può certo bastare.

calcio-dinizioE’ fin troppo chiaro che l’obiettivo della Federazione è soprattutto quello di far crescere giovani arbitri per verificarne le possibilità di carriera, vista la penuria cronica di buoni fischietti che si dimostrino in grado, in un prossimo futuro, di arbitrare anche tra i professionisti.

Ma questa politica, che dal punto di vista della Federazione può essere considerata corretta e funzionale a un loro preciso disegno, ha un risvolto negativo per le società che partecipano ai campionati minori, che però richiedono ugualmente un fortissimo impegno, notevoli sacrifici e un cospicuo investimento economico.

E’ un caso di scuola, in cui ci sono due interessi, entrambi legittimi, ma contrastanti: quello della Federazione, che ha l’esigenza di far crescere arbitri validi, e quello delle società di Promozione, soprattutto delle meno tutelate, che vorrebbero avere la garanzia della regolarità del campionato.

partita-02Come sempre la soluzione tra due posizioni apparentemente inconciliabili è tutto sommato semplice e sta nella capacità di trovare il giusto compromesso, magari utilizzando gli arbitri più giovani in partite che non presentano pressioni particolari, in cui non ci sia un forte sbilanciamento di prestigio e influenza a favore di una squadra rispetto all’altra.

In queste partite si potrebbero semplicemente utilizzare arbitri un po’ più esperti, in grado di garantire equità di trattamento e di non farsi troppo condizionare dall’ambiente e dal peso specifico di società titolate, anche se ormai, per questioni anagrafiche, non hanno più prospettive di crescita tali da poter magari arrivare ad arbitrare tra i professionisti.

fine-partita-02“Cum grano salis”, come dicevano i romani antichi, cioè con un po’ di saggezza (letteralmente: con un granello di sale), si possono risolvere anche i problemi che a prima vista potrebbero sembrare irrisolvibili.

di: Raffaele Cardamone

Avatar
Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Vincono in Sicilia i fondisti calabresi, esperienza positiva anche per atleti lucani in Val di Fiemme

Ottimi risultati hanno ottenuto i fondisti del Comitato Federazione Italiana Sport Invernali (FISI) Calabro Lucano ...

Lascia un commento