Home » COMUNI »  Soveria Mannelli » Garibaldina Promosport 0-1: Commento, Cronaca e Pagelle

Garibaldina Promosport 0-1: Commento, Cronaca e Pagelle

Commento

Soveria Mannelli 19/11/2017 – Con una prestazione incolore, la Garibaldina lascia i tre punti a una modesta Promosport Sant’Eufemia nello scontro casalingo da cui ci si aspettava una prova d’orgoglio dopo la sconfitta di misura, domenica scorsa, sul campo non impossibile dell’Aprigliano Calcio.

Dopo un discreto inizio, già a metà della prima frazione di gioco, la squadra di casa perde sicurezza e lascia campo e iniziativa a una Promosport che non stava facendo molto per passare in vantaggio e sembrava voler giocare per il pari.

Ma al 35° ci pensa De Sio, con un’avventata respinta di pugno centrale, che non va oltre il limite dell’area, a servire di fatto un attaccante della Promosport che mette comodamente nel sacco con un preciso pallonetto.

La Garibaldina non trova neppure la forza per una reazione di nervi e il primo tempo scivola via con l’unico rimpianto di un fischio dell’arbitro, forse troppo frettoloso, che ferma un’azione in contropiede di Natalino, poco prima del gol che avrebbe sancito il pareggio a pochi minuti dal riposo.

Nella ripresa, i tanti innesti di mister Visciglia, che si avvale di tutte e cinque le sostituzioni consentite dal nuovo regolamento, non cambiano gli equilibri in campo, anzi – se possibile – aumentano la confusione.

Nella fase finale, la Promosport pensa solo a difendersi, buttando palloni in tribuna e perdendo più tempo possibile in ogni occasione. Un gioco certamente ostruzionistico, ma che per lo meno mette in mostra un agonismo esasperato con cui si prova a sopperire all’assenza di gioco.

Cosa di cui invece difetta la Garibaldina che, oltre a non giocare un buon calcio, non sembra possedere neppure quella carica agonistica indispensabile per affrontare in modo indolore questa competizione.

Cronaca

PRIMO TEMPO:

Al 7°, su azione di calcio d’angolo, Pascuzzi M. libera in area Lepore che può calciare a colpo sicuro, ma la deviazione di un difensore avversario manda ancora il pallone in corner.

Al 12°, una bella fuga solitaria di Toscano, non seguito però dai compagni, produce solo un tiro da fuori, facile preda del portiere avversario.

Al 19° si fa vedere in avanti la Promosport con un tiro non forte ma angolato, deviato in angolo da De Sio.

Al 25°, ancora la Promosport fa le prove del gol con un tiro da fuori area che è però centrale e facile preda di De Sio.

Al 35° la Promosport trova il gol del vantaggio su una corta respinta di De Sio che mette la palla proprio sui piedi di un avversario, il quale non ha da fare altro che mettere comodamente in rete. (GOL Promosport: 0-1)

Al 43° la Garibaldina prova a rispondere con un’azione concitata in cui Natalino e Toscano sono entrambi in area in un fazzoletto di campo, ma nessuno dei due riesce a dare la zampata decisiva.

Al 44°, l’azione più importante e controversa per la Garibaldina. Su un lancio lungo, Natalino vince un contrasto spalla contro spalla con un avversario e mette in rete con un gran pallonetto sull’uscita del portiere. L’arbitro fischia dopo la partenza del tiro per un presunto fallo dello stesso Natalino.

SECONDO TEMPO:

Al 3°, Cittadino P. tira dal limite dell’area, ma il pallone finisce alto sulla traversa.

Al 5°, una girata in area di Toscano finisce ancora di poco alta.

Al 18° la Garibaldina ci prova con un calcio piazzato che trova Natalino in area piccola, ma la punta alza troppo di testa.

Al 22°, un colpo di testa ravvicinato di un attaccante della Promosport finisce di poco alto sulla traversa.

Al 24°, su calcio d’angolo, Pascuzzi L. sfiora di testa la traversa.

Al 35°, Procopio su punizione mette il pallone appena sotto la traversa, ma è bravissimo il giovane portiere avversario a deviare in angolo.

Al 44° la Promosport colpisce la base del palo direttamente su calcio di punizione battuto dal vertice sinistro dell’area.

Al 45°, un tiro da fuori area di Nicoletti viene smorzato da un difensore e finisce docile tra le mani del portiere.

Al 46°, Pascuzzi L. prova da lontano il tiro della disperazione, ma il pallone finisce ancora alto.

Al 47°, l’ultima occasione è della Promosport, con un calcio di punizione dalla trequarti che trova De Sio fuori dai pali e lo costringe a un recupero in extremis.

Pagelle

1) DE SIO: 4,5 – Regala il pallone del comodo vantaggio alla Promosport con una respinta debole e centrale. Nel finale, si fa trovare troppo avanzato su un calcio di punizione dalla trequarti.

2) PASCUZZI M.: 5,5 – Difende con un certo ordine, ma spinge poco sulla sua fascia quando c’era da recuperare lo svantaggio.

3) REPOLE: 6 – Gioca solo il primo tempo, per garantire la presenza degli under, ma alla fine si farà rimpiangere.

13) PITTELLI (dal 1° s.t.): 4,5 – Non aggiunge nulla in fase offensiva e commette qualche errore di troppo nelle rare occasioni in cui c’è da difendere.

4) PASCUZZI L.: 6 – Uno dei più positivi. Lotta da centrale difensivo e poi quando si trasforma in centrocampista aggiunto nella vana ricerca del pareggio.

5) TORCASIO: 5,5 – Se la cava come diga difensiva, ma il suo piede ruvido non gli consente di impostare la manovra come gli viene spesso, e forse impropriamente, richiesto.

6) LEPORE: 5 – Non riesce a prendere per mano la squadra e sembra non avere più i tempi del regista di centrocampo.

7) FAZIO: 4,5 – Non incide mai e perde troppi palloni. Tenta spesso dribbling improbabili in zone del campo in cui sarebbe più semplice appoggiare per poi suggerire il passaggio con uno scatto.

16) CITTADINO S. (dal 36° s.t.): SV – Gioca pochi minuti ma non ha occasioni per mettersi in luce.

8) CITTADINO P.: 6 – Sbaglia qualcosa in fase d’impostazione, ma almeno ci mette il fisico e la giusta cattiveria.

18) NICOLETTI (dal 10° s.t.): 6 – Ravviva il gioco offensivo con qualche invenzione. Ha i piedi buoni, ma non sempre riesce a trovare la giusta convinzione per metterli al servizio della squadra.

9) TOSCANO: 5,5 – Si dà da fare come al solito, ma conclude poco. Quando gli capita qualche pallone buono, cincischia o è impreciso.

10) NATALINO: 6,5 – Almeno ci prova a far valere le sue indiscutibili doti tecniche. Avrebbe anche segnato il gol del pareggio se l’arbitro non gli avesse fischiato un fallo che forse non c’era.

16) FERRARA (dal 20° s.t.): 4,5 – Tanta confusione e poca incisività. Non aggiunge potenziale offensivo e spreca anche l’ultima opportunità su punizione.

11) SESAY: 4,5 – Non è prezioso in fase di contenimento come in altre occasioni e, quando c’è da ripartire, pasticcia un po’ troppo.

15) PROCOPIO (dal 1° s.t.): 4,5 – Ancora un nuovo innesto che al momento non sembra aggiungere quella qualità di cui avrebbe bisogno un centrocampo apparso sempre privo di idee.

Mister) VISCIGLIA: 4,5 – La confusione regna sovrana. La squadra sbaglia l’approccio alla gara e dimostra di non avere più un gioco. I nuovi innesti non sembrano garantire quella qualità che manca soprattutto a centrocampo e in difesa. Rarissime le azioni manovrate e frequentissimi i lanci lunghi a scavalcare il centrocampo che lasciano il tempo che trovano. Non riesce a inventare soluzioni neppure dopo lo svantaggio, quando ci sono ancora due terzi di partita per rimediare.

di Raffaele Cardamone

Print Friendly, PDF & Email

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro.
Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale.
Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro.
Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI).
Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet).
Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing “ilmiolibro.it”.

Verifica altro

Sul “caso” Povia: meglio non fargli tanta pubblicità!

“Io combatto la tua idea, che è diversa della mia, ma sarò pronto a battermi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *