Home » COMUNI » Anna Maria Cardamone: da Decollatura il rilancio di un nuovo protagonismo delle donne in politica

Anna Maria Cardamone: da Decollatura il rilancio di un nuovo protagonismo delle donne in politica

Ormai è diventato un appuntamento fisso l’incontro di inizio settembre, a Decollatura, delle donne del Centrosinistra calabrese, ideato e organizzato da Anna Maria Cardamone, coadiuvata da Giulia Veltri: entrambe rappresentanti della componente femminile nella segreteria regionale PD. È stata un’occasione di confronto, per fare il punto sulla politica regionale, durante l’arco di un’intera giornata.

Nella mattinata si è dato ampio spazio all’Assessore regionale all’Ambiente, Antonella Rizzo, che ha potuto analizzare i primi due anni di governo della Giunta Oliverio, soffermandosi in particolare sulle politiche per l’ambiente. La discussione che ne è susseguita ha messo in luce la necessità di migliorare la comunicazione istituzionale della Regione, in quanto si è constatato che ai cittadini – troppo spesso – non arriva notizia delle tante cose fatte.

Nel pomeriggio si è parlato soprattutto di riforma elettorale, rimarcando la necessità di recepimento, anche da parte della Regione Calabria, di una Legge Quadro nazionale che prevede la “doppia preferenza di genere”: uno strumento per aumentare l’importanza del ruolo delle donne in politica.

Si è anche messo in evidenza un certo “scollamento” tra chi gestisce e amministra la cosa pubblica e la base politica che lo esprime, in un rapporto di squilibrio che rischia di impoverire entrambe le componenti.

È per questo che il gruppo di “donne in politica” che si è dato appuntamento a Decollatura ha deciso di redigere un documento ufficiale per chiedere alle Istituzioni calabresi, in primis al Presidente della Giunta Oliverio e al Presidente del Consiglio Irto, di calendarizzare al più presto la riforma elettorale e istituire in via permanente un “Coordinamento delle donne del Centrosinistra calabrese”, che contribuirebbe a colmare quel gap – che ancora persiste – di partecipazione delle donne calabresi alla politica e a rompere l’isolamento in cui frequentemente si trovano ad operare le donne anche quando amministrano.

Questa la “visione di genere” che è venuta fuori dall’incontro e della quale le donne si sentono portatrici, consapevoli di essere dotate del dono della concretezza, insomma di riuscire a fare “più fatti e meno parole”.

Un’ulteriore proposta contenuta nel documento sarà quella di istituire una “Scuola di formazione politica”, gratuita e accessibile a tutti, per far acquisire quegli strumenti necessari a una partecipazione delle donne sempre più efficace e di qualità.

Nel pomeriggio hanno contribuito attivamente alla discussione, oltre ad Anna Maria Cardamone e Giulia Veltri, della segreteria politica PD Calabria, la parlamentare Enza Bruno Bossio, la senatrice Doris Lo Moro, l’ex ministro Maria Carmela Lanzetta, le consigliere regionali di parità Tonia Stumpo e Vincenzina Perciavalle, le delegate del WWW (Wath Women Want) Stella Ciarletta e Mariarosalba Bernaudo, la consigliera comunale di Cosenza Bianca Rende, l’amministratrice di Grimaldi Gabriella Occhipinti e altre amministratrici e attiviste che hanno portato le loro esperienze.

Un contributo scritto è arrivato invece dall’Assessore regionale al Lavoro Federica Roccisano, dalla Presidente della Commissione regionale pari opportunità Cinzia Nava e dalla parlamentare e Responsabile nazionale mezzogiorno PD Stefania Covello.

A fine giornata, Anna Maria Cardamone, stanca ma visibilmente compiaciuta, ha dichiarato alla stampa:

<< Da Decollatura è finalmente partito quel protagonismo femminile che da sempre si auspicava. È stato un confronto tra donne con idee, proposte e soprattutto capacità d’ascolto, che ha visto una partecipazione altamente qualificata e che darà vita a un documento che sarà inviato alla Giunta e al Consiglio Regionale, ma condiviso anche a livello dei partiti, ad esempio nella prossima festa del PD di Belvedere Marittimo.

Abbiamo colto l’obiettivo di riprendere il movimento della rete delle donne del Centrosinistra calabrese che si farà portavoce presso le Istituzioni per avviare un serio confronto sulla Legge elettorale regionale. A tal fine chiederemo un incontro con i Capigruppo e con le due Consigliere Flora Sculco e Wanda Ferro, perché la proposta vuole essere trasversale alle forze politiche visto che interessa le donne indipendentemente dal loro schieramento.

Siamo sicure che il Presidente Oliverio, che ha sempre dimostrato sensibilità e attenzione, vorrà unirsi a noi nel portare avanti questa iniziativa. >>

Con questo auspicio si è chiusa una giornata in cui non solo le donne ma la politica in sé si è riappropriata dei suoi spazi di confronto e di discussione, creando – si spera – i presupposti per una rinascita di quei partiti popolari e organizzati di cui, dopo il fallimento della Seconda Repubblica, il nostro Paese ha dimostrato di avere un impellente bisogno.

di Raffaele Cardamone

Print Friendly, PDF & Email

di: Raffaele Cardamone

Raffaele Cardamone è nato a Soveria Mannelli, dove vive da sempre, lavorando prevalentemente nella città di Catanzaro. Da giovanissimo ha realizzato per l’emittente radiofonica “Radio Soveria Uno” dei programmi di nicchia, tra i quali si ricordano ancora “Radio on” e soprattutto “Rock in motion”, oltre a una serie di trasmissioni sportive sulla squadra di calcio locale. Nonostante il legame particolare con il suo luogo d’origine, ha avuto l’opportunità di viaggiare molto in Italia e in Europa prima per motivi di studio e poi di lavoro. Ha la qualifica di “Tecnologo della comunicazione formativa”, acquisita al termine di un corso biennale di formazione professionale sulle applicazioni delle tecnologie informatiche e audiovisive (che cominciavano a fondersi in quelle multimediali) in ambito formativo, e quella di “Coordinatore di attività di progettazione formativa”, acquisita sul campo, lavorando per oltre dieci anni nell’équipe di Coordinamento didattico dell’Enaip Calabria (l’Ente di formazione professionale delle ACLI). Il suo lavoro si svolge nel settore della formazione professionale, con frequenti e numerose deviazioni in quello della comunicazione (editoria specializzata, multimedialità e internet). Da qualche tempo, alcune sue opere letterarie sono presenti sulla piattaforma digitale di self publishing "ilmiolibro.it".

Verifica altro

Carlopoli, nella suggestiva atmosfera dell’Abbazia di Corazzo celebrato il primo matrimonio civile

di Raffaele Arcuri – Una suggestione ed una scenografia unica hanno avvolto la coppia di ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *